Home » Cura della Pelle

Cura della Pelle

Forfora e alimentazione: qual è il legame?

Esiste davvero un legame fra forfora e alimentazione? Alcuni esperti affermano che potrebbe esserci, sebbene gli studi non lo abbiano provato.

Alicia Zalka, MD, professoressa associata di dermatologia presso la Yale School of Medicine di New Haven (Connecticut) afferma: “Penso che la ricerca debba approfondire ulteriormente questa tematica. Sebbene gli studi medici che ho avuto modo di visionare non propongano dati convincenti, nei miei 18 anni di pratica clinica sembra emergere più di una connessione”.

“Una dieta per la forfora ben gestita potrebbe essere di aiuto”, afferma Jessica Krant, MD, ricercatrice universitaria di dermatologia presso il SUNY Downstate Medical Center di New York.

Limitare gli zuccheri

La maggior parte degli occidentali consuma troppi zuccheri. Limitarne il consumo può ridurre l’infiammazione minimizzando la comparsa delle scaglie di forfora.

Krant afferma: “Gli zuccheri e i carboidrati semplici promuovono una maggiore infiammazione nel nostro organismo, quindi è logico ritenere che una dieta ricca di antiossidanti e povera di zuccheri possa contribuire a controllare gli episodi di forfora”.

Vi può essere anche una correlazione ormonale.

Zalka afferma: “Le diete ricche di zuccheri, prodotti alimentari lavorati e grassi malsani portano a picchi insulinici che, a loro volta, comportano una maggiore stimolazione ormonale. Quest’ultima, infine, può provocare la produzione di sebo. Limitare il consumo di alimenti grassi, cibi fritti, zuccheri raffinati, alimenti lavorati e glutine può portare ad una riduzione della desquamazione cutanea”.

Questi cambiamenti alimentari non sono stati studiati nell’ambito della ricerca di un rimedio risolutivo per la forfora, ma sono comunque indubbiamente salutari.

Leggi tutto »Forfora e alimentazione: qual è il legame?

Prodotti per la pelle: sai davvero cosa contengono?

Questo articolo si propone di fare chiarezza sulle sostanze maggiormente utilizzate nei prodotti cosmetici che possono giovare alla pelle.

Queste informazioni potranno tornarvi utili quando dovrete scegliere tra gli innumerevoli prodotti per la cura della pelle attualmente in commercio. Se avete dubbi su quale possa essere il prodotto giusto per voi, chiedete sempre consiglio al dermatologo.

Alfa-idrossiacidi (AHA)

I prodotti per la cura della pelle da banco che contengono alfa-idrossiacidi (acido glicolico, lattico, tartarico e citrico) sono diventati sempre più popolari nel corso degli ultimi 5 anni. Negli Stati Uniti, esistono più di 200 produttori di articoli per la cura della pelle che utilizzano gli alfa-idrossiacidi. Le creme e le lozioni che li contengono possono essere di aiuto in caso di segni di espressione, pigmentazione irregolare e macchie senili. Possono inoltre contribuire a ridurre i pori dilatati.

Gli effetti collaterali degli alfa-idrossiacidi includono lieve irritazione e sensibilità al sole. Per questo motivo, ogni mattina è bene applicare anche una protezione solare. Per evitare l’insorgenza di una irritazione cutanea dovuta all’uso di alfa-idrossiacidi, si consiglia di iniziare utilizzando un prodotto con concentrazioni di AHA pari al 10%-15%. Inoltre, è bene abituare la pelle a queste sostanze in modo graduale. Quindi, è consigliabile iniziare applicando il prodotto ogni 2 giorni per poi passare gradualmente ad una applicazione quotidiana.

Beta-idrossiacidi (acido salicilico)

L’acido salicilico è stato studiato anche per il suo effetto sulla pelle invecchiata prematuramente a causa dell’esposizione ai raggi ultravioletti del sole. Esso esfolia la pelle e può migliorarne la consistenza e il colorito. L’acido salicilico penetra le aperture dei follicoli piliferi ricche di sebo risultando quindi di aiuto anche in presenza di acne. Esistono molti prodotti per la cura della pelle che lo contengono. Alcuni sono acquistabili senza ricetta medica, mentre altri sono soggetti a prescrizione.

Gli studi hanno dimostrato che l’acido salicilico è meno irritante rispetto ai prodotti che contengono alfa-idrossiacidi, pur apportando miglioramenti simili per ciò che concerne consistenza e colorito della pelle.

Leggi tutto »Prodotti per la pelle: sai davvero cosa contengono?