Caco: proprietà, benefici e valori nutrizionali

Non è una sorpresa che il caco sia stato definito dai greci “il frutto divino”: dolce, saporito e ricco di antiossidanti e sostanze nutritive. Questo frutto è versatile, nutriente e delizioso. Sebbene la sua popolarità sia maggiormente diffusa in molti Paesi asiatici, il caco sta diventando sempre più comune in altre parti del mondo e utilizzato come ingrediente in molte torte stagionali, dolci e dessert.

Oltre all’aspetto culinario, il caco può apportare seri benefici per la salute. Esso, infatti, promuove la regolarità intestinale e l’abbassamento di colesterolo e ipertensione. Inoltre, rappresenta un modo delizioso per soddisfare il fabbisogno di molte sostanze nutritive importanti, tra cui vitamina A, vitamina C e manganese.

Link sponsorizzati

Che cosa è il caco?

Il caco è un frutto commestibile proveniente dall’albero dei cachi. L’albero appartiene all’ordine delle Ericali (Ericales), che include anche noci brasiliane, mirtilli e tè. Sebbene vi siano diverse varietà di questo frutto, quella più comunemente coltivata proviene dall’albero da frutto giapponese, noto con il nome scientifico di Diospyros kaki.

Esistono due tipologie principali di cachi: astringente e non astringente. I cachi Hachiya sono il tipo astringente più comune. I cachi astringenti contengono concentrazioni elevate di tannini e possono avere un sapore sgradevole se consumati prima del termine del processo di maturazione. Una volta maturi, tuttavia, sviluppano un delizioso sapore dolce e zuccherino.

I cachi non astringenti, al contrario, sono caratterizzati da un sapore decisamente più dolce e contengono quantità inferiori di tannini. Infatti, le varietà non astringenti, come i cachi Fuyu, possono essere gustate anche prima che siano completamente mature. Il gusto dei cachi non astringenti viene in genere descritto come dolce e leggermente croccante.

I cachi possono essere consumati crudi, cotti o essiccati. Vengono comunemente aggiunti a parecchie pietanze che possono variare dalle insalate ai prodotti da forno e altro.

Oltre ad essere incredibilmente versatili, i cachi sono anche ricchi di molte sostanze nutritive importanti e antiossidanti e possono apportare una lunga lista di potenziali benefici alla salute.

caco proprietà

I benefici del caco

Ricco di antiossidanti

Gli antiossidanti sono composti che aiutano a contrastare i radicali liberi dannosi al fine di prevenire un danneggiamento a carico delle cellule e ridurre il rischio di malattie croniche. Alcune ricerche hanno dimostrato che gli antiossidanti possono contribuire a proteggere da malattie cardiache, cancro e diabete.

Il caco è un frutto ricco di antiossidanti benefici. Uno studio del 2012 pubblicato su Preventive Nutrition and Food Science ha analizzato il succo del caco e ha scoperto che è particolarmente ricco di acido gallico ed epicatechina gallato, due sostanze con proprietà antiossidanti.

Oltre ai cachi, altri cibi ricchi di antiossidanti includono: frutti di bosco, coriandolo, cioccolato fondente e cannella.

Favorisce la regolarità intestinale

Includere il caco all’interno del regime alimentare può contribuire a prevenire l’insorgere di costipazione e a promuovere una sana regolarità intestinale. Il caco, infatti, è un alimento ricco di fibre. Ogni porzione apporta 6 grammi circa di fibre, soddisfacendo quasi un quarto del fabbisogno giornaliero di fibre.

Le fibre transitano nell’organismo non digerite aggiungendo massa alle feci e promuovendo la regolarità intestinale. Una analisi del 2012 composta da 5 studi ha mostrato che le fibre alimentari erano efficaci nell’aumentare la frequenza dei movimenti intestinali dei pazienti con problemi di stitichezza.

A tale proposito, è consigliabile preferire la varietà dolce del frutto (non astringente), poiché le varietà astringenti sono ricche di acido tannico e potrebbero essere associate a stitichezza. L’acido tannico, infatti, può ridurre le secrezioni intestinali e rallentare la motilità intestinale.

Altri rimedi naturali in caso di costipazione includono bere molta acqua e liquidi tiepidi, consumare altri alimenti ricchi di fibre e praticare più attività fisica.

Promuove la salute della vista

Il caco è ricco di vitamina A, un nutriente fondamentale per preservare la salute degli occhi. Infatti, un caco crudo fornisce il 55% del fabbisogno giornaliero di vitamina A.

Alcuni tra i segni più comuni di carenza di vitamina A sono: cecità notturna (emeralopia), secchezza oculare e macchie di Bitot (piccole chiazze di cheratina della congiuntiva bulbare di colore bianco o grigiastro).

Aumentare l’assunzione di vitamina A includendo al regime alimentare cibi come il caco, può contribuire a prevenire l’insorgere dei suddetti segni di ipovitaminosi (carenza di tale vitamina) e a consentire agli occhi di funzionare in modo efficiente. Altri alimenti ricchi di vitamina A includono fegato di manzo, carote, patate dolci, cavolo riccio e spinaci.

Riduce i livelli di colesterolo

Il colesterolo è una sostanza grassa presente nell’organismo. Sebbene necessitiamo di una certa quantità di colesterolo, l’accumulo di quest’ultimo nelle arterie può provocarne l’indurimento e il restringimento, costringendo il muscolo cardiaco a un maggiore sforzo per pompare sangue in tutto il corpo.

Alcuni studi hanno dimostrato che il caco può effettivamente contribuire a ridurre i livelli di colesterolo. In uno studio pubblicato su Annals of Nutrition & Metabolism, a 40 partecipanti è stata somministrata una barretta contenente una dose bassa o elevata di fibre del caco 3 volte al giorno per 12 settimane. Alla fine dello studio, entrambi i gruppi presentavano una diminuzione significativa dei livelli di colesterolo LDL (colesterolo cattivo).

Allo stesso modo, uno studio condotto su animali pubblicato sul Journal of Nutrition ha dimostrato che il consumo di cachi aveva ridotto colesterolo totale, colesterolo LDL e trigliceridi nei ratti oggetto dello studio.

Altri modi per ridurre il colesterolo in modo naturale includono la pratica regolare di attività fisica, il consumo di molte fibre solubili e l’aumento del consumo di acidi grassi omega 3.

Proprietà antinfiammatorie

Oltre a ridurre i livelli di colesterolo, preservare la salute oculare e promuovere la regolarità intestinale, il caco può anche contribuire a ridurre l’infiammazione. Sebbene quest’ultima sia una risposta immunitaria normale e sana, se cronica può contribuire all’insorgere di patologie quali cancro e malattie coronariche.

Grazie all’elevato contenuto di antiossidanti e tannini, è stato dimostrato che il caco può essere di aiuto nell’alleviare l’infiammazione. Uno studio condotto su animali pubblicato sulla rivista PloS One ha scoperto che il trattamento dei ratti con tannini derivati dal caco aveva contribuito a ridurre i livelli di diversi marker di infiammazione.

Oltre al caco, altri cibi con proprietà antinfiammatorie includono verdure a foglia verde, frutti di bosco, broccoli, noci e olio di cocco.

Riduce la pressione sanguigna

I tannini presenti nel caco possono favorire l’abbassamento della pressione sanguigna. L’ipertensione esercita un notevole stress sul cuore ed è uno dei principali fattori di rischio di malattie cardiache.

Diversi studi hanno suggerito che l’acido tannico potrebbe essere efficace nel ridurre la pressione sanguigna. Uno studio del 2015 condotto sugli animali, per esempio, ha dimostrato che la somministrazione di acido tannico ai ratti aveva contribuito ad abbassarne la pressione sanguigna. Un altro studio condotto sugli animali, pubblicato su Life Sciences, ha dimostrato che i tannini estratti dalle erbe tradizionali cinesi avevano contribuito a ridurre i livelli di un enzima che controlla la pressione sanguigna.

È bene ricordare che il caco astringente possiede il contenuto più elevato di tannini, che si riduce gradualmente con la maturazione del frutto. Per massimizzare l’efficacia, è consigliabile quindi optare per la variante astringente piuttosto che per quella più dolce.

Valori nutrizionali

Il caco presenta un basso contenuto calorico ma è ricco di fibre, vitamina A, manganese e vitamina C.

Porzione: 1 caco crudo

Calorie: 118

*La percentuale dei valori giornalieri (%DV) si basa su una dieta da 2.000 calorie

Quantità per porzione

*%DV

Quantità per porzione

*%DV

Carboidrati totali 31,2 g

Vitamina C (12,6 mg)

21%

Proteine 1g

Rame (0,2 mg)

9%

Grassi totali 0,3 g

Potassio (270 mg)

8%

Fibre alimentari 6 g

Vitamina B6 (0,2 mg)

8%

Vitamina A (2,733 UI)

55%

Vitamina E (1,2 mg)

6%

Manganese (0,6 mg)

30%

Vitamina K (4,4 microgrammi)

5%

Oltre ai nutrienti di cui sopra, il caco contiene anche quantità di magnesio, tiamina, acido folico e fosforo.

Referenze

  • Lien Ai Pham-Huy, Hua He, Chuong Pham-Huy – International Journal of Biomedical Science – Free Radicals, Antioxidants in Disease and Health (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3614697/)
  • Lee JH, Lee YB, Seo WD, Kang ST, Lim JW, Cho KM – Comparative Studies of Antioxidant Activities and Nutritional Constituents of Persimmon Juice (Diospyros kaki L. cv. Gapjubaekmok) (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24471076)
  • Jing Yang, Hai-Peng Wang, Li Zhou, Chun-Fang Xu – World Journal of Gastroenterology – Effect of dietary fiber on constipation: A meta analysis (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3544045/)
  • Sun Hwan Bae – Pediatric Gastroenterology, Hepatology & Nutrition – Diets for Constipation (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4291444/)
  • Clare Gilbert – Community Eye Health Journal – The eye signs of vitamin A deficiency (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3936686/)
  • Gato N, Kadowaki A, Hashimoto N, Yokoyama S, Matsumoto K – Persimmon fruit tannin-rich fiber reduces cholesterol levels in humans (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23171573)
  • Gorinstein S, Bartnikowska E, Kulasek G, Zemser M, Trakhtenberg S – Dietary persimmon improves lipid metabolism in rats fed diets contaning cholesterol (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9808659)
  • Matsumura Y, Kitabatake M, Ouji-Sageshima N, Yasui S, Mochida N, Nakano R, Kasahara K, Tomoda K, Yano H, Kayano SI, Ito T – Persimmon-derived tannin has bacteriostatic and anti-inflammatory activity in a murine model of Mycobacterium avium complex (MAC) disease (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28827842)
  • Department of Medical Biology, Faculty of Medicine, Eskisehir Osmangazi University, Eskisehir, Turkey – Impact of tannic acid on blood pressure, oxidative stress and urinary parameters in L-NNA-induced hypertensive rats (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24306272)
  • Liu JC, Hsu FL, Tsai JC, Chan P, Liu JY, Thomas GN, Tomlinson B, Lo MY, Lin JY – Antihypertensive effects of tannins isolated from traditional Chinese herbs as non-specific inhibitors of angiotensin converting enzyme (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12865094)
  • USDA -Nationa Nutrient Database for Standard Reference Legacy Release – Basic Report: 09263, Persimmons, japanese, raw (https://ndb.nal.usda.gov/ndb/foods/show/2337?manu=&fgcd=&ds=)

[collapse]

Studentessa in Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana. Appassionata da tutto ciò che riguarda il mondo dell’alimentazione e della salute dell’essere umano. Per maggiori informazioni, è possibile consultare la sezione Chi siamo.

Lascia un commento