Home » Bocca e Denti Sani » Stress e salute orale: perché sono correlati?

Stress e salute orale: perché sono correlati?

Aggiornato il

Lo stress, se eccessivo, oltre a causare mal di testa e mal di stomaco, può anche provocare una serie di disturbi che possono ripercuotersi sulla salute di bocca, denti, gengive e del cavo orale in generale.

I potenziali effetti di stress e ansia che possono influire sulla salute orale comprendono:


  • afte della bocca e herpes labiale
  • stringimento e digrignamento dei denti (bruxismo)
  • inadeguata igiene orale e abitudini alimentari malsane
  • malattie parodontali o aggravamento di una condizione parodontale preesistente

Come è possibile prevenire l’insorgenza di questi problemi?

Afte e herpes labiale

Le afte sono piccole ulcere caratterizzate da una base di colore bianco o grigiastro e delimitate da un bordo di colore rosso. Compaiono all’interno della bocca singolarmente, in coppia o in quantità maggiore. Sebbene gli esperti non siano ancora certi della loro causa, l’ipotesi più accreditata al momento è strettamente correlata a problemi relativi al sistema immunitario (batteri o virus). Gli esperti ritengono che lo stress, così come la stanchezza e le allergie, possono aumentare il rischio di insorgenza di afte. E’ bene precisare che queste fastidiose ulcere non sono contagiose.

La maggior parte delle afte scompare nel giro di una settimana o dieci giorni. Per alleviare l’irritazione, è possibile applicare un anestetico topico acquistabile in farmacia. E’ bene inoltre evitare il consumo di cibi piccanti, caldi o con un elevato contenuto di acidi (come pomodori o agrumi).

L’herpes labiale, conosciuto anche come “febbre delle labbra”, è causato dal virus herpes simplex ed è contagioso. L’herpes labiale è caratterizzato da vescicole ripiene di liquido che fanno spesso la loro comparsa sulle labbra o intorno ad esse. Tuttavia, possono comparire anche nella zona sottostante il naso o intorno al mento.

Un eventuale sfogo di herpes labiale può essere causato da turbamento emotivo, febbre, scottatura solare o abrasione cutanea.


Anche l’herpes labiale, come le afte, può guarire nel giro di una settimana o poco più. I trattamenti a disposizione includono farmaci da banco oppure medicinali antivirali soggetti a prescrizione medica. E’ consigliabile chiedere consiglio al medico o al dentista se è possibile trarre beneficio dall’utilizzo di entrambe le soluzioni. E’ importante iniziare il trattamento non appena si nota la formazione della vescicola.

salute_cavo_orale.jpg

Digrignamento dei denti

Lo stress può comportare lo stringimento e il digrignamento inconsapevole dei denti, sia diurno che notturno. Il digrignamento dei denti è conosciuto anche come bruxismo.

Nel caso in cui tali condizioni siano preesistenti, lo stress potrebbe aggravarle. Digrignare i denti può provocare problemi all’articolazione temporo-mandibolare (ATM), posta di fronte all’orecchio nel punto in cui cranio e mascella inferiore si incontrano.

E’ bene consultare il medico e chiedere come è possibile procedere per risolvere il problema. Il dentista può raccomandare l’utilizzo di una mascherina da applicare durante il sonno o di un apposito apparecchio atto a interrompere o minimizzare il digrignamento o lo stringimento dei denti.

Scarsa e inadeguata igiene orale

Essere sottoposti a situazioni di stress estremo condiziona inevitabilmente lo stato emotivo. Questo potrebbe ripercuotersi sulle normali e regolari abitudini di igiene orale, come l’utilizzo del filo interdentale e dello spazzolino.

Nel momento in cui l’igiene del cavo orale non viene curata, i denti o comunque la salute orale in generale ne risentono. Nel caso di malattie gengivali preesistenti, una scarsa o inesistente igiene orale quotidiana può aggravare il problema. Se invece la salute orale è relativamente buona, il mancato utilizzo di spazzolino e filo interdentale può comportare la comparsa di malattie gengivali e aumentare il rischio di carie.


Quando si è sotto stress, è possibile sviluppare anche pessime abitudini alimentari, come spuntini a base di alimenti o bevande contenenti elevate quantità di zuccheri. Queste abitudini aumentano il rischio di carie e di altri problemi.

E’ bene ricordare quindi la fondamentale importanza di una corretta e regolare igiene orale e di una sana alimentazione. Riprendere o iniziare a praticare attività fisica contribuisce ad alleviare lo stress e a mantenere il giusto livello di energia necessario per attenersi ad una buona routine di igiene orale e cucinare pasti sani. L’esercizio fisico, inoltre, rafforza il sistema immunitario, un toccasana per la salute orale.

Malattie gengivali

Lo stress può causare un aumento della placca dentale, anche quando i livelli elevati di stress sono di breve durata. Questo è quanto è stato scoperto da uno studio che ha preso in esame individui che si occupavano della cura di parenti affetti da demenza e sottoposti a stress.

A lungo andare, lo stress a cui erano sottoposte queste persone aveva aumentato il rischio di sanguinamento gengivale, o gengivite, condizione che può progredire sino a causare l’insorgenza di gravi malattie gengivali.

Lo stress può condurre alla depressione. Secondo ricerche recenti, i pazienti depressi presentano un rischio due volte maggiore di pessimi risultati dopo un trattamento atto a curare malattie gengivali rispetto ai soggetti non depressi.

Non è possibile eliminare la depressione o lo stress con un semplice “colpo di spugna”, ma gli esperti sono concordi nell’asserire che l’apprendimento di strategie salutari di gestione dello stress può contribuire a ridurre il rischio di aggravamento di problemi gengivali.


Infine, è bene ricordare che una dieta bilanciata, visite regolari dal dentista e una buona igiene orale contribuiscono a ridurre il rischio di malattie parodontali. Assicuratevi di lavarvi i denti almeno due volte al giorno e di utilizzare il filo interdentale tutti i giorni.

Referenze

  • American Dental Association: “Common Mouth Sores”
  • Hugo, F. – Journal of Periodontology, giugno 2006, vol. 77: pagine 1008-1014
  • Rosania, A. – Journal of Periodontology, febbraio 2009, vol. 80: pagine 260-266
  • American Association of Oral and Maxillofacial Surgeons: “The Temporomandibular Joint”
  • Elter, J. – Journal of Periodontology, aprile 2002, vol 73: pagine 441-449
  • Carol Gomez Summerhays, DDS, dentista e portavoce dell’Accademia di Odontoiatria Generale, San Diego, Stati Uniti
  • David Cochran, presidente dell’American Academy of Periodontology, professore nel reparto di Parodontologia presso l’University of Texas Health Science Center, San Antonio, Stati Uniti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *