Debolezza al braccio: quali sono le possibili cause?


La debolezza al braccio si riferisce alla perdita di forza muscolare del braccio interessato. Tale debolezza può colpire uno o ambedue i lati del corpo, può accompagnare una debolezza che interessa altre parti del corpo e può insorgere in concomitanza con altri sintomi (dolore al braccio incluso). In presenza di debolezza al braccio, il soggetto può avere difficoltà a muovere il braccio interessato o a svolgere le attività quotidiane.

Link sponsorizzati

In alcuni casi, la terapia fisica può contribuire a migliorare la forza del braccio. Nel caso la debolezza sia accompagnata da dolore, gli antidolorifici possono essere di aiuto nella risoluzione di ambedue i sintomi. Il trattamento comunque dipende dalla causa sottostante della debolezza.

Cause comuni di debolezza al braccio includono lesioni o infezioni a carico del braccio, atrofia muscolare (conseguente per esempio ad alcuni disturbi muscolari o alla mancanza d’uso dell’arto), danno a carico dei nervi o compressione della colonna vertebrale oppure alcune condizioni ereditarie. L’ictus è una causa grave e potenzialmente fatale di una improvvisa debolezza al braccio che interessa un solo lato del corpo. Una debolezza temporanea al braccio può essere causata da una infezione generale, come il raffreddore.

Sebbene la debolezza al braccio non sia in genere grave, essa può essere un segno di ictus. Si consiglia di chiamare il 118 nel caso il soggetto sperimenti sintomi gravi che possono essere suggestivi di ictus, come un improvviso forte mal di testa, perdita di coscienza, confusione, improvviso intorpidimento o paralisi, specie ad un solo lato del corpo, alterazioni della vista o difficoltà a parlare.

Nel caso la debolezza al braccio sia persistente o rappresenti motivo di preoccupazione, è consigliabile consultare prontamente il medico.

Sintomi

La debolezza al braccio può accompagnare altri sintomi, che variano a seconda della condizione, della patologia o del disturbo sottostanti.

Sintomi muscoloscheletrici

  • Gonfiore/protuberanza al braccio
  • Difficoltà respiratoria
  • Spossatezza
  • Dolore muscolare
  • Mobilità ridotta (range di movimento delle articolazioni)
  • Gonfiore a carico delle articolazioni

Sintomi neurologici

  • Confusione o perdita di coscienza
  • Difficoltà a masticare, deglutire o parlare
  • Paralisi

Altri sintomi che possono insorgere in concomitanza con la debolezza al braccio

  • Stanchezza
  • Febbre
  • Prurito
  • Arrossamento, calore o gonfiore

Sintomi gravi che potrebbero indicare la presenza di una condizione potenzialmente fatale

In alcuni casi, la debolezza al braccio può essere un sintomo di una condizione grave (come un ictus o una grave infezione) che necessita di una valutazione medica immediata. Si consiglia di chiamare il 118 in presenza di uno qualsiasi dei seguenti sintomi:

  • Alterazione del livello di coscienza o di vigilanza
  • Il soggetto parla o si esprime in modo confuso
  • Febbre alta
  • Paralisi o incapacità di muovere una parte del corpo
  • Insorgenza improvvisa di debolezza, intorpidimento o formicolio a carico di un solo lato del corpo
  • Alterazioni o perdita della vista
  • Forte mal di testa

debolezza al braccio

Cause

La debolezza al braccio può insorgere a seguito di una serie di eventi o disturbi che colpiscono muscoli, ossa, articolazioni, sistema nervoso o metabolismo. Può essere accompagnata da una debolezza più generalizzata, come in caso di alcuni disturbi ereditari, oppure essere conseguente ad una lesione specifica a carico del braccio.

Cause muscolo-scheletriche

  • Lesione al braccio
  • Artrite
  • Cisti (sacca benigna contenente liquido, aria o altri materiali)
  • Osso fratturato o rotto
  • Infezione dei tessuti molli del braccio
  • Distrofia muscolare (patologia ereditaria che causa una perdita progressiva di tessuto muscolare e debolezza muscolare)
  • Miopatia (patologia muscolare che causa debolezza muscolare)
  • Tendinite (infiammazione di un tendine)

Cause neurologiche

  • Sclerosi laterale amiotrofica (SLA, una grave patologia neuromuscolare che provoca debolezza muscolare e disabilità)
  • Sindrome del tunnel carpale
  • Paralisi cerebrale (gruppo di disturbi che compromettono movimento, equilibrio e postura)
  • Sclerosi multipla (malattia che colpisce il cervello e il midollo spinale causando debolezza, difficoltà di coordinazione e di equilibrio e altri problemi)
  • Miastenia gravis (malattia neuromuscolare autoimmune che provoca debolezza muscolare)
  • Intrappolamento o compressione di un nervo, come per esempio del nervo ulnare presente nel braccio
  • Radicolopatia (compressione di un nervo nella colonna vertebrale)
  • Nervo reciso

Altre cause

  • Anemia
  • Fibromialgia (condizione cronica che causa dolore, rigidità e dolorabilità)
  • Avvelenamento da metalli pesanti (come l’avvelenamento da piombo)
  • Malnutrizione
  • Ingestione di sostanze tossiche (come piante, funghi o sostanze velenose)

Cause gravi o potenzialmente fatali (richiedono una immediata valutazione medica)

  • Tumore cerebrale
  • Infezione grave accompagnata da febbre alta
  • Ictus
  • Attacco ischemico transitorio

Potenziali complicanze

La debolezza al braccio in sé di solito non è una condizione grave. Una lieve debolezza può essere temporanea e risolversi spontaneamente. Tuttavia, poiché può essere causata da patologie gravi, un mancato trattamento può comportare l’insorgere di gravi complicazioni e danni permanenti. Una volta diagnosticata la causa sottostante, è importante che il paziente segua il piano terapeutico formulato dal medico per ridurre il rischio di potenziali complicanze, tra cui:

  • Paralisi
  • Perdita permanente della coordinazione
  • Perdita permanente della sensibilità
  • Diffusione del cancro
  • Diffusione dell’infezione

Fonti

  • PubMed Health: “Stroke”
  • MedlinePlus: “Weakness”

Condividi con: