I benefici dell’allattamento al seno per mamma e bambino


Il primo latte materno è “oro liquido” – Conosciuto come “oro liquido”, il colostro è il primo latte materno denso e giallognolo che la mamma produce durante la gravidanza e subito dopo il parto e che preannuncia la montata lattea. Questo latte è molto ricco di nutrienti e anticorpi che proteggono il neonato. Sebbene quest’ultimo ingerisca solo una piccola quantità di colostro ad ogni poppata, tale quantità corrisponde a quella che il piccolo stomaco del bambino è in grado di contenere.

Link sponsorizzati

Il latte materno cambia nel tempo – Il colostro si tramuta in ciò che viene chiamato latte maturo. Tre-cinque giorni dopo la nascita, questo latte materno maturo contiene la giusta quantità di grassi, zuccheri, acqua e proteine che favoriscono la crescita del bambino. Si tratta di un tipo di latte meno denso rispetto al colostro, ma fornisce tutti i nutrienti e gli anticorpi di cui il neonato necessita.

Il latte materno è più facile da digerire – Per la maggior parte dei bambini, specie per quelli prematuri, il latte materno è più facile da digerire rispetto ai latti artificiali, detti anche “formulati”. Le proteine presenti nel latte artificiale sono a base di latte vaccino e lo stomaco del bambino necessita di tempo per riuscire a digerirle.

Il latte materno contrasta e combatte le malattie – Le cellule, gli ormoni e gli anticorpi presenti nel latte materno proteggono il bambino dalle malattie. Questa protezione è unica nel suo genere e la composizione del latte artificiale non corrisponde alla composizione chimica propria del latte materno umano. Infatti, tra i bambini allattati artificialmente, l’insorgenza di infezioni auricolari e diarrea è più comune. I bambini allattati artificialmente, inoltre, presentano un maggiore rischio di:

  • enterocolite necrotizzante, una malattia che colpisce l’apparato gastrointestinale dei neonati pre-termine
  • infezioni delle basse vie respiratorie
  • obesità
  • diabete di tipo 2

Alcune ricerche dimostrano che l’allattamento al seno può anche ridurre il rischio di diabete di tipo 1, leucemia infantile e dermatite atopica (un tipo di eruzione cutanea) nei bambini. E’ stato inoltre dimostrato che l’allattamento al seno riduce il rischio di SIDS (Sindrome della morte improvvisa del lattante).

benefici allattamento

I benefici dell’allattamento al seno per la mamma

La vita può essere più semplice quando allatti al seno – Inizialmente, l’allattamento al seno può essere leggermente più impegnativo rispetto alla somministrazione del latte artificiale. Ma una volta che tu e il tuo bambino avrete stabilito una buona routine, l’allattamento naturale potrà renderti la vita più semplice. Quando allatti, non dovrai preoccuparti di dover sterilizzare biberon e tettarelle. Non avrai la necessità di acquistare, misurare e miscelare latti artificiali. Senza contare che non sarà necessario riscaldare il biberon nel bel mezzo della notte! Allattando al seno, potrai soddisfare subito la fame del tuo bambino.

L’allattamento può farti risparmiare denaro – Il latte artificiale e gli accessori necessari per somministrarlo al bambino possono arrivare a costare ben più di 1.500 dollari ogni anno (l’equivalente di circa 1.153 euro), a seconda di quanto mangia il tuo bimbo. I bambini che vengono allattati al seno, inoltre, si ammalano con minore frequenza e questo può ridurre i costi relativi all’eventuale acquisto di farmaci o visite specialistiche.

L’allattamento fa sentire bene te e il tuo bambino – Per i neonati il contatto fisico è molto importante. Li fa sentire più al sicuro. Anche tu, in quanto mamma, puoi beneficiare di questa vicinanza. Infatti, l’allattamento al seno richiede tranquillità e il contatto pelle-a-pelle con il tuo bambino può favorire l’aumento dei tuoi livelli di ossitocina, un ormone che favorisce il flusso del latte ed un effetto calmante sulla mamma.

L’allattamento giova anche alla tua salute – L’allattamento al seno è correlato ad un ridotto rischio di insorgenza dei seguenti problemi di salute nelle donne:

  • diabete di tipo 2
  • cancro al seno
  • cancro ovarico
  • depressione post-partum

Gli esperti stanno ancora indagando sugli effetti dell’allattamento al seno sull’osteoporosi e sulla perdita di peso dopo la nascita. Molti studi hanno riportato una maggiore perdita di peso per le mamme che allattano al seno rispetto a quelle che non lo fanno. Ma sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere a fondo tale legame.

Allattando in modo naturale perderai meno ore di lavoro – Le mamme che allattano perdono meno giorni di lavoro, poiché i bambini si ammalano con una minore frequenza.

I benefici per la società

Ricerche recenti dimostrano che se il 90% delle famiglie allattasse esclusivamente al seno per un periodo di 6 mesi, potrebbero essere evitati quasi 1.000 decessi tra i neonati. Negli Stati Uniti è stato inoltre stimato che ciò comporterebbe un risparmio annuo di 13 miliardi di dollari (i costi per l’assistenza medica sono inferiori per i neonati allattati al seno rispetto ai neonati che non sono mai stati allattati in modo naturale). In genere, i neonati allattati al seno necessitano di una quantità inferiore di visite mediche, prescrizioni e ospedalizzazioni.

L’allattamento al seno fa bene anche all’ambiente, in quanto viene prodotta una quantità inferiore di spazzatura e rifiuti di plastica rispetto a quella derivante dall’utilizzo di latti artificiali confezionati.

Allattamento al seno durante un’emergenza

In caso di una situazione di emergenza, l’allattamento al seno può salvare la vita:

  • protegge i bambini dal rischio di ingerire acqua contaminata
  • protegge contro le malattie respiratorie e la diarrea. Tali malattie possono essere fatali nelle popolazioni sfollate a seguito di un disastro
  • il latte materno è caratterizzato dalla giusta temperatura per i bambini e contribuisce a prevenire l’insorgenza di ipotermia, ovvero quando la temperatura corporea diventa troppo bassa
  • il latte materno è facilmente disponibile senza la necessità di dover utilizzare altri accessori

Referenze

  • Womenshealth.gov: “Why breastfeeding is important”

Condividi con: