Sbalzi di umore: sintomi e cause


Gli sbalzi di umore sono cambiamenti improvvisi o eccessivi dello stato d’animo. L’umore può passare repentinamente da uno stato di esaltazione e di euforia ad uno stato di estrema tristezza o terrore per poi variare di nuovo. In alcuni casi, i cambiamenti a carico dell’umore sono reazioni all’ambiente o alle circostanze, sebbene l’intensità dello stato d’animo sperimentato sembri essere sproporzionata rispetto alla reale portata dell’evento. In altri casi, gli sbalzi di umore possono verificarsi senza una ragione apparente.

Link sponsorizzati

Si pensa che gli stati d’animo siano il risultato dell’interazione di sostanze chimiche presenti nel cervello. La causa degli sbalzi di umore non è nota, ma possono essere correlati a squilibri in queste sostanze.

Gli sbalzi di umore possono insorgere come un sintomo di disturbi psichiatrici (come il disturbo bipolare o il disturbo borderline di personalità) oppure possono essere dovuti ad una condizione medica che agisce direttamente sul sistema nervoso centrale (come demenza, tumori cerebrali, meningite e ictus). Gli sbalzi di umore possono anche essere causati da condizioni che privano il cervello di nutrienti e ossigeno, come malattie polmonari e cardiovascolari. L’abuso di sostanze, gli effetti collaterali dei farmaci e i cambiamenti ormonali sono altre cause potenziali degli sbalzi di umore.

Gli sbalzi di umore possono ripercuotersi in ambito scolastico, lavorativo, finanziario, legale e personale dando origine a problemi.

Possono anche essere sintomi di condizioni gravi o estremamente gravi. E’ consigliabile chiamare il 118 in caso di attacchi convulsivi, lesioni gravi o comportamento minaccioso, irrazioniale o altamente autolesivo.

Qualora gli sbalzi di umore tendano ad aggravarsi o siano persistenti, causa di preoccupazione o di problemi in ambito scolastico, lavorativo o relazionale, si consiglia di rivolgersi immediatamente ad una figura medica.

sbalzi_umore.jpg

Sintomi

Gli sbalzi di umore possono accompagnare altri sintomi, che variano a seconda della malattia, del disturbo o della condizione sottostanti. Le condizioni che spesso colpiscono il cervello possono coinvolgere anche altri sistemi del corpo.

Gli sbalzi di umore possono accompagnare altri sintomi psicologici o cognitivi, tra cui:

  • ansia, irritabilità o agitazione
  • cambiamenti a carico di umore, personalità o comportamento
  • confusione o smemorataggine
  • difficoltà mnemoniche, a pensare, a parlare, a comprendere, a scrivere o a leggere
  • allucinazioni
  • umore depresso o euforico
  • scarsa capacità di giudizio
  • attività mentale caotica (inarrestabile flusso cerebrale di pensieri) e modo di parlare veloce
  • comportamenti inappropriati o imprudenti
  • depressione

Gli sbalzi di umore possono accompagnare sintomi correlati ad altri sistemi del corpo, tra cui:

  • tosse che si aggrava nel corso del tempo
  • stanchezza
  • incontinenza, debolezza o cambiamenti sensoriali
  • nausea con o senza vomito
  • attacchi convulsivi e tremori
  • fiato corto
  • disturbi del sonno

In alcuni casi, gli sbalzi di umore possono essere un sintomo di una condizione estremamente grave che dovrebbe essere valutata immediatamente in un contesto di emergenza. Chiamare il 118 o recarsi al pronto soccorso più vicino in presenza di uno qualsiasi dei seguenti sintomi:

  • l’individuo è un pericolo per sé stesso o per gli altri, inclusa la presenza di comportamento minaccioso, irrazionale o altamente autolesivo
  • variazione dello stato mentale o cambiamento improvviso del comportamento, come stato confusionale, delirio, letargia e allucinazioni
  • attacchi convulsivi
  • trauma, come deformità ossee, ustioni, lesioni oculari e altre lesioni

Cause

Gli sbalzi di umore possono essere associati a condizioni psichiatriche, abuso di sostanze, effetti collaterali dei farmaci o condizioni mediche croniche.

Gli sbalzi di umore sono comuni in caso di assunzione di farmaci, condizioni mediche e sostanze che agiscono sul sistema nervoso centrale. Possono essere associati a condizioni che possono privare il cervello di nutrienti e ossigeno oppure possono insorgere anche in presenza di cambiamenti ormonali.

Gli sbalzi di umore possono essere causati da condizioni psichiatriche, tra cui:

  • disturbo bipolare
  • disturbo borderline di personalità (disturbo caratterizzato da relazioni instabili)
  • disturbo esplosivo intermittente (disturbo caratterizzato da rabbia estrema)
  • depressione post-partum
  • disturbo disforico premestruale
  • abuso di sostanze

Gli sbalzi di umore possono avere altre cause, tra cui:

  • tumori cerebrali
  • lesioni alla testa
  • effetti collaterali dei farmaci
  • gravidanza
  • pubertà
  • disturbi del sonno

In alcuni casi, gli sbalzi di umore possono essere un sintomo di una condizione grave o estremamente grave che dovrebbe essere valutata nell’immediato in un contesto di emergenza. Queste condizioni includono:

  • delirio acuto (insorgenza improvvisa di cambiamenti a carico dello stato mentale dovuti a malattia o tossicità)
  • avvelenamento da alcol o overdose da abuso di sostanze
  • mania (umore eccessivamente euforico e livelli di energia elevati che possono insorgere in caso di disturbo bipolare)
  • meningite
  • ictus
  • lesione cerebrale traumatica

Dal medico…

Per diagnosticare la condizione, il medico porrà al paziente alcune domande relative agli sbalzi di umore, tra cui:

  • quando ha notato per la prima volta la comparsa degli sbalzi di umore?
  • quali stati d’animo sperimenta quando insorgono gli sbalzi di umore?
  • esiste qualcosa che li migliora o li aggrava?
  • sperimenta altri sintomi?
  • presenta altri problemi medici o psichiatrici?
  • quali farmaci sta assumendo?
  • beve alcolici?
  • fa uso di sostanze illegali?

Quali sono le potenziali complicazioni correlate agli sbalzi di umore?

Poiché gli sbalzi di umore possono essere causati da malattie gravi, un eventuale mancato trattamento può tradursi in gravi complicazioni e danni permanenti. Una volta diagnosticata la causa sottostante, è importante che il paziente si attenga al piano di trattamento formulato dal medico al fine di ridurre il rischio di potenziali complicazioni, tra cui:

  • danni cerebrali, perdita di memoria, difficoltà di concentrazione e capacità di giudizio alterata
  • coma
  • difficoltà sul posto di lavoro, a scuola, in ambienti sociali e nei rapporti interpersonali
  • uso e abuso di sostanze illegali e alcolici
  • overdose o avvelenamento da alcol
  • aumento del rischio di lesioni
  • problemi legali o finanziari
  • autolesionismo
  • violenza o comportamento estremamente lesivo verso sé stessi

Referenze

  • PubMed Health: “Depressione maggiore”
  • Ohio State University Medical Center: “I disturbi dell’umore”

Condividi con: