Dolori di crescita nel bambino: cause, sintomi e trattamento


Il vostro bambino fatica a dormire di notte lamentando un dolore alle gambe? Potrebbe trattarsi dei cosiddetti dolori di crescita.

Link sponsorizzati

Questa condizione è caratterizzata da dolori muscolari a carico di ambedue le gambe e insorge in alcuni bambini in età prescolare e preadolescenziale. Il dolore si manifesta solitamente nel tardo pomeriggio o di sera e può causare risvegli notturni nel bambino.

I dolori di crescita in genere hanno inizio nella prima infanzia, intorno ai 3 o 4 anni, e tendono a comparire nuovamente nei bambini di età compresa tra gli 8 e i 12 anni.

Cause

Sebbene tale condizione sia denominata “dolori di crescita”, non esistono prove certe a sostegno del fatto che essa sia correlata alle fasi della crescita.

I dolori di crescita, invece, possono essere dovuti semplicemente all’insorgenza di dolori muscolari a seguito di attività intense svolte dal bambino. Queste attività includono correre, saltare e arrampicarsi. I dolori di crescita sembrano essere più comuni nel bambino dopo una giornata particolarmente intensa a livello sportivo.

Sintomi

I dolori di crescita sono caratterizzati da sintomi che possono differire da bambino a bambino. Alcuni bambini presentano molto dolore, altri no. La maggior parte dei bambini, comunque, presenta dolore a giorni alterni.

I dolori di crescita possono insorgere e scomparire. Essi possono essere sperimentati per mesi o addirittura anni. La maggior parte dei bambini supera tale condizione nel giro di qualche anno.

Il dolore di solito insorge nel tardo pomeriggio o di sera, prima dell’ora di cena e prima della nanna. I dolori alle gambe sperimentati dal bambino possono essere talmente intensi da causarne il risveglio nel cuore della notte.

Se il mattino seguente il bambino sembra non lamentare alcun sintomo, ciò non significa che abbia finto la condizione per attirare la vostra attenzione. I dolori di crescita, infatti, scompaiono al mattino. Di solito non interferiscono con la capacità del bambino di fare sport o essere attivo.

In generale, i dolori di crescita insorgono a carico di ambedue le gambe, soprattutto nella parte anteriore delle cosce, in quella posteriore delle gambe (polpacci) o dietro le ginocchia.

Gli studi suggeriscono che i bambini affetti dai dolori di crescita possono essere più sensibili al dolore e possono essere maggiormente soggetti a mal di testa e dolore addominale.

dolori crescita bambini

Diagnosi

Il medico di solito è in grado di diagnosticare i dolori di crescita visitando il bambino e ponendo quesiti circa la storia medica del piccolo e i sintomi. E’ importante escludere altre eventuali possibili cause del dolore prima di formulare la diagnosi. Ecco perché si consiglia di consultare il medico qualora vi sia il dubbio che il bambino possa essere affetto dai dolori di crescita o da qualsiasi altra tipologia di dolore a carico degli arti.

Se il bambino è affetto dai dolori di crescita, il medico non noterà nulla di anormale nel corso dell’esame fisico. In questo caso, di solito, non è necessario effettuare esami del sangue o radiografie.

Trattamento

Il trattamento dipende dal livello di intensità di dolore sperimentato dal bambino. Quanto segue può contribuire ad alleviare il disagio del piccolo facendolo sentire meglio:

  • massaggiare le gambe
  • stretching dei muscoli delle gambe. Questo può essere difficile per i bimbi più piccoli
  • Applicare un panno tiepido o un termoforo sulla gamba dolorante. Attenzione a non bruciare la pelle del bambino e a non fare ricorso a tali procedure durante l’ora della nanna

Se il dolore non dovesse attenuarsi, si consiglia di chiedere al medico informazioni circa l’eventuale possibilità di somministrare al bambino un antidolorifico da banco, come paracetamolo o ibuprofene. E’ consigliabile chiedere conferma al medico circa il dosaggio adeguato per il bambino. Si sconsiglia di somministrare l’aspirina ad un bambino. La somministrazione di aspirina nei bambini è stata correlata all’insorgenza di una malattia pediatrica di grave intensità denominata sindrome di Reye.

Quando rivolgersi al medico

Prima di consultare il medico, è importante ricordare che i dolori di crescita insorgono nella maggior parte dei casi a carico di ambedue le gambe. Nel caso in cui il bambino lamenti dolore ad una singola gamba, si consiglia di consultare il medico poiché potrebbe essere segno di una condizione più grave.

E’ inoltre importante rammentare che i dolori di crescita non influenzano muscoli e articolazioni, e non causano claudicazione o febbre.

Si consiglia di consultare il medico qualora il dolore alle gambe insorga in concomitanza con i sintomi che andremo ad elencare. Tali sintomi non sono correlati ai dolori di crescita, ma il medico necessiterà di visitare il bambino ed effettuare gli esami del caso:

  • lesioni, come una caduta
  • perdita di appetito
  • claudicazione o difficoltà a camminare
  • articolazioni arrossate (accompagnate da calore), dolorose, gonfie
  • stanchezza
  • debolezza
  • perdita di peso

E, naturalmente, si consiglia di consultare il medico qualora dovessero insorgere ulteriori preoccupazioni al riguardo.

Referenze

  • KidsHealth.org “Growing Pains”
  • Sito web della Palo Alto Medical Foundation “Growing Pains”
  • Kliegman RM, Behrman RE, Jenson HB, Stanton BF, editori, Nelson Textbook of Pediatrics, 19esima edizione, Saunders Elsevier, 2010
  • Long S.S., editore, Principles and Practice of Pediatric Infectious Disease, terza edizione, Elsevier Churchill Livingstone, 2008
  • Junnila JL, American Family Physician, 15 luglio 2006, volume 74, pagine 294-300

Condividi con: