Dolore all'anca: cause e trattamento - Oldeconomy

Dolore all'anca: cause e trattamento




L'articolazione dell'anca, che unisce il femore al bacino, è progettata per resistere ai movimenti ripetuti e ad un livello piuttosto elevato di usura. Questa articolazione è strutturata in modo da consentire un movimento fluido.

Ogni volta che l'anca è coinvolta nell'esecuzione di un movimento (per esempio, uscire per una corsa), la presenza di un cuscino di cartilagine contribuisce ad evitare lo sfregamento delle ossa quando l'osso dell'anca si muove nell'acetabolo (cavità sferoidale dell'osso iliaco nella quale ruota la testa del femore).

Sebbene l'articolazione dell'anca sia piuttosto resistente, essa non è tuttavia indistruttibile. L'avanzare dell'età e l'usura possono logorare o danneggiare la cartilagine. I muscoli e i tendini presenti nell'anca possono essere soggetti ad un uso eccessivo. L'osso stesso dell'anca può fratturarsi a seguito di una caduta o di altre lesioni. Ognuna di queste condizioni può comportare l'insorgenza di dolore all'anca.

Nel corso dell'articolo illustreremo le possibili cause del dolore all'anca e cosa è possibile fare per alleviare il disagio che ne consegue.

 

dolore_anca.jpg

Cause

Quanto segue sono alcune delle condizioni che presentano maggiori probabilità di causare dolore all'anca:

Artrite. Le condizioni artritiche, come l'osteoartrite e l'artrite reumatoide, sono tra le cause più comuni di dolore all'anca, specie negli anziani. L'artrite comporta l'infiammazione dell'articolazione dell'anca e la lacerazione della cartilagine, che normalmente provvede ad ammortizzare le ossa dell'anca. Il dolore tende ad aggravarsi in modo graduale con il progredire della malattia. Gli individui affetti da artrite lamentano anche rigidità articolare e presentano una ridotta capacità di movimento a livello dell'anca.

Fratture a carico dell'anca. Le fratture a carico dell'anca rappresentano un problema che si verifica in particolar modo negli individui anziani. Con l'avanzare dell'età, le ossa possono diventare deboli e fragili. Le ossa, se indebolite, presentano maggiori probabilità di fratturarsi a seguito di una caduta.

Borsite. L'infiammazione delle piccole sacche ripiene di liquido (chiamate bursae), che proteggono muscoli e tendini, di solito è dovuta allo svolgimento di attività ripetitive che sottopongono ad un carico eccessivo oppure irritano l'articolazione dell'anca.

Tendinite. I tendini sono fasci spessi di tessuto che congiungono le ossa ai muscoli. La tendinite non è altro che l'infiammazione o l'irritazione dei tendini. Di solito è causata da stress ripetitivo a seguito di uso eccessivo.

Lesioni a carico di muscoli o tendini. La pratica di attività ripetute può sottoporre i muscoli, i tendini e i legamenti che sostengono le anche, ad uno sforzo eccessivo. L'infiammazione a carico di queste strutture, derivante da un uso eccessivo, può causare dolore e impedire il normale funzionamento dell'anca.

Tumori. I tumori che hanno inizio nelle ossa (tumore osseo) o che si estendono ad esse, possono causare dolore alle anche così come ad altre ossa del corpo.

Necrosi avascolare (denominata anche osteonecrosi). Questa condizione insorge quando l'afflusso di sangue all'anca è ridotto. Ne consegue la necrosi del tessuto osseo. Sebbene possa colpire altre ossa, la necrosi avascolare insorge nella maggior parte dei casi a carico dell'anca. Tale condizione può essere provocata, tra le altre cause, da una frattura o lussazione all'anca o dall'assunzione prolungata di dosi elevate di steroidi (per esempio prednisone).

Sintomi

A seconda della condizione che causa il dolore all'anca, è possibile che il disagio colpisca:

  • coscia
  • parte interna dell'articolazione dell'anca
  • inguine
  • parte esterna dell'articolazione dell'anca
  • glutei

Talvolta il dolore sperimentato in altre parti del corpo, come schiena o inguine (a seguito di un'ernia), può irradiarsi sino all'anca.

E' possibile che il dolore si aggravi durante lo svolgimento di attività, specie se causato dall'artrite. Il dolore può essere accompagnato da una ridotta capacità di movimento. Alcuni individui sviluppano un'andatura claudicante a causa di un dolore persistente all'anca. 

Come alleviare il dolore all'anca

Se il dolore all'anca è causato da una lesione muscolare o a carico di un tendine, artrosi o tendinite, è possibile alleviarlo mediante l'assunzione di antidolorifici da banco come acetaminofene (Tylenol) o di antinfiammatori non steroidei come ibuprofene (Motrin) o naprossene (Aleve).

I trattamenti in caso di artrite reumatoide includono anche farmaci antinfiammatori su prescrizione come i corticosteroidi, oppure farmaci antireumatici modificanti la malattia (DMARDs), come metotrexato e sulfasalazina.

Un altro modo per alleviare il dolore all'anca è di applicare e mantenere un impacco di ghiaccio sulla zona interessata per circa 15 minuti alcune volte al giorno. Si consiglia di tenere a riposo il più possibile l'articolazione colpita sino al miglioramento della situazione.

In caso di artrite, esercitare l'articolazione dell'anca con la pratica di esercizi a basso impatto (il nuoto è un buon esercizio in caso di artrite), praticare stretching e un allenamento basato sulla resistenza, possono contribuire a ridurre il dolore e a migliorare la mobilità articolare. Anche la terapia fisica può contribuire ad aumentare la capacità di movimento.

Nel caso in cui l'osteoartrite si aggravi a tal punto da rendere il dolore intenso o qualora l'articolazione dell'anca diventi deformata, potrebbe essere preso in considerazione l'impianto di una protesi totale dell'anca (artroprotesi). Gli individui che sperimentano fratture a carico dell'anca, talvolta necessitano di un intervento chirurgico atto a riparare o sostituire l'anca.

Si consiglia di consultare il medico nel caso in cui il dolore perduri o in presenza di gonfiore, arrossamento o calore nella zona circostante l'articolazione. E' opportuno consultare il medico anche qualora si sperimenti dolore all'anca durante la notte o a riposo.

Si consiglia di richiedere assistenza medica immediata nei seguenti casi:

  • il dolore all'anca è insorto improvvisamente
  • una caduta o un'altra lesione hanno causato l'insorgenza del dolore all'anca
  • l'articolazione appare deformata o in presenza di sanguinamento
  • al momento della lesione, l'individuo ha avvertito un rumore simile ad uno schiocco provenire dall'articolazione
  • il dolore è intenso
  • l'individuo non è in grado di reggere alcun peso sull'anca

 

 

Referenze

  • American Family Physician, 15 ottobre 1999, volume 60, pagine 1687-1696; 1 febbraio 2003, volume 67, pagine 537-543
  • Sito web dell'American Academy of Orthopaedic Surgeons: "Osteoarthritis of the Hip", "Inflammatory Arthritis of the Hip"
  • Firestein Gary S., Kelley's Textbook of Rheumatology, ottava edizione, Philadelphia, W B Saunders Company, 2008




Link sponsorizzati