Dolore addominale: cause, sintomi e trattamento


Qualsiasi individuo, prima o poi, può sperimentare un episodio di dolore addominale. La maggior parte delle cause non è grave e può essere facilmente diagnosticata e trattata. Tuttavia, il dolore può essere anche un segno di una grave malattia. E’ importante essere in grado di riconoscere i sintomi classificabili come gravi e sapere quando chiamare il medico.

Link sponsorizzati

Quali sono le cause più comuni di dolore addominale?

Sia che si tratti di un leggero mal di stomaco, di un dolore forte o di crampi allo stomaco, il dolore addominale presenta numerose cause. Queste includono:

dolore_addominale.jpg

Quali sintomi di dolore addominale sono motivo di preoccupazione?

Se il dolore addominale è forte o se è accompagnato da uno qualsiasi dei seguenti sintomi, è consigliabile rivolgersi al proprio medico il prima possibile:

  • Febbre
  • Incapacità di trattenere il cibo per diversi giorni
  • Incapacità di evacuare, soprattutto in presenza concomitante di vomito
  • Fuoriuscita di sangue con il vomito
  • Presenza di sangue nelle feci
  • Difficoltà di respirazione
  • Minzione dolorosa o insolitamente frequente
  • Il dolore si presenta durante la gravidanza
  • Dolorabilità addominale
  • Il dolore è conseguente ad una lesione a carico dell’addome occorsa nei giorni precedenti
  • Il dolore si protrae per diversi giorni

Questi sintomi possono indicare la presenza di un problema interno che richiede un trattamento immediato.

In che modo viene determinata la causa del dolore addominale?

Poiché esistono molteplici potenziali cause di dolore addominale, il medico effettuerà dapprima un esame fisico completo, discuterà con il paziente circa i sintomi riferiti e porrà alcune domande relative al dolore sperimentato. Tali domande possono includere:

  • Che tipo di dolore sta sperimentando? Il dolore si estende a tutto l’addome o è limitato ad una zona specifica?
  • Dove le sembra sia localizzato il dolore nel suo addome?
  • Quando si presenta il dolore? Sempre? Più spesso al mattino o di notte? Se il dolore va e viene, quanto dura ogni volta? Si presenta dopo che ha mangiato certi tipi di cibi o dopo che ha bevuto alcolici? Si presenta in concomitanza con il ciclo mestruale?
  • Da quanto tempo sperimenta questo dolore?
  • Il dolore si irradia anche alla zona lombare, alla spalla, all’inguine o ai glutei?
  • Attualmente sta assumendo farmaci o integratori a base di erbe?
  • E’ incinta?
  • Esiste qualche attività, come mangiare o stare sdraiato su un fianco, in grado di alleviare il dolore?
  • Recentemente è stato soggetto a lesioni?

Una volta completata la valutazione preliminare, il medico potrà sottoporre il paziente ad alcuni test che contribuiranno alla formulazione della diagnosi, tra cui esame delle feci o delle urine, esame del sangue, ingestione o clisteri di bario, endoscopia, radiografia, ecografia o TAC.

Come viene trattato il dolore addominale?

Il trattamento del dolore addominale dipende dalla sua causa. Può variare dai farmaci atti a trattare infiammazione, reflusso gastroesofageo o ulcere, agli antibiotici per trattare infezioni o a cambiamenti relativi alle abitudini del paziente che causano il dolore addominale, come alcuni cibi o bevande. In alcuni casi, come appendicite ed ernia, è necessario l’intervento chirurgico.

Referenze

  • National Institutes of Health

Condividi con: