Alimenti funzionali: quali nutrienti contengono?


Si sente parlare spesso degli alimenti funzionali (pane, succhi di frutta, barrette, yogurt e persino uova) che sono arricchiti con nutrienti supplementari considerati benefici per la salute.

Link sponsorizzati

In un mondo ideale, ovviamente, è possibile assumere tali nutrienti attraverso il consumo diretto di alimenti specifici, come verdura, frutta, cereali integrali, pesce e latticini poveri di grassi. Tuttavia, la dieta occidentale sembra essere sempre più carente di alcune di queste importanti sostanze nutritive. Lo scopo primario degli alimenti funzionali è quello di apportare benefici alla salute, ottenibili di norma seguendo una guida scientifica ad una corretta alimentazione.

Di seguito elencheremo i nutrienti principali presenti negli alimenti funzionali che i seguenti esperti di nutrizione considerano utili: Christine Gerbstadt, MD, RD, una portavoce della American Dietetic Association; Elaine Magee, RD, MPH, autrice de “Tell Me What To Eat If I Suffer From Heart Disease”; Kerry Neville, MS, RD, consulente di nutrizione e Susan Moores, MS, RD, consulente di nutrizione.

Gli ingredienti principali presenti negli alimenti funzionali

Stanoli e steroli vegetali

  • Cosa sono gli steroli e gli stanoli vegetali? Si trovano negli alimenti di origine vegetale come frutta, verdura, frutta secca e semi. Queste sostanze sono composti che assomigliano chimicamente al colesterolo. Quando si spostano lungo il tratto digestivo, seguono il medesimo percorso del colesterolo reale, contribuendo a prevenire l’assorbimento del colesterolo nel flusso sanguigno.
  • In che modo gli alimenti funzionali con steroli e stanoli vegetali possono essere di aiuto? Se consumate burro, margarina o creme da spalmare a base di olio, preferire il tipo arricchito con stanoli e steroli vegetali potrebbe costituire un buon plus per la vostra dieta, afferma Gerbstadt. Visto e considerato che è piuttosto facile esagerare con il consumo di grassi, è consigliabile utilizzare margarine e oli con moderazione.
  • Qual’è la quantità necessaria di stanoli e steroli vegetali? Una dieta atta a preservare e favorire la salute del cuore, dovrebbe prevedere un consumo giornaliero di steroli e stanoli vegetali pari a 2 grammi.

Vitamina D

  • Cos’è la vitamina D? La vitamina D è un nutriente che, agendo in combinazione con il calcio, contribuisce a mantenere le ossa forti e il sistema immunitario sano. La ricerca suggerisce che la vitamina D può anche contribuire a prevenire l’insorgere di alcuni tipi di cancro, ipertensione e depressione. Purtroppo, molte persone sono carenti di questo nutriente.
  • In che modo gli alimenti funzionali contenenti vitamina D possono essere di aiuto? Il corpo umano converte la luce solare in vitamina D. Questo nutriente fondamentale si trova anche nel pesce, nelle uova, nel fegato di manzo e nell’olio di pesce. Ma a causa dei sempre più numerosi posti di lavoro da svolgersi in ambienti chiusi e della tipica dieta occidentale, sono realmente poche le persone in grado di assumere una quantità sufficiente di vitamina D consumando alimenti. Per alcune persone, il latte e lo yogurt fortificati possono contribuire a colmare questa carenza nutrizionale, afferma la consulente di nutrizione Neville.
  • Di quanta vitamina D abbiamo bisogno? I neonati necessitano di un apporto giornaliero di vitamina D pari a 400 UI, mentre i bambini da 1 a 18 anni di età necessitano di 600 UI al giorno. Gli adulti dai 19 ai 70 anni necessitano di 600 UI. Gli anziani di età superiore ai 70 anni dovrebbero assumere 800 UI di vitamina D al giorno.

alimenti funzionali

Calcio

  • Che cos’è il calcio? Il calcio è un minerale che favorisce la formazione delle ossa, la conduzione degli impulsi nervosi e preserva il battito cardiaco. Quando il corpo è carente di calcio, per ovviare a tale mancanza può filtrare il minerale dalle ossa, causando l’eventuale conseguente insorgenza di osteoporosi.
  • In che modo gli alimenti funzionali possono essere di aiuto? Consumare 3 porzioni al giorno di latticini poveri di grassi (latte, yogurt, formaggio) garantisce l’apporto di calcio necessario, afferma Gerbstadt. Nel caso in cui non si consumino quantità sufficienti di latticini, gli alimenti funzionali possono contribuire a colmare questo deficit nutrizionale. Tuttavia Gerbstadt avverte che il calcio presente nei cibi fortificati può non essere assorbito allo stesso modo dei latticini.
  • Di quanto calcio abbiamo bisogno? I bambini necessitano generalmente di 210-270 mg di calcio, ma i bambini di età inferiore agli 8 anni necessitano di 500-800 mg. Dopo i 9 anni di età, i bambini presentano un fabbisogno di calcio pari a 1.300 mg. La maggior parte degli adulti dovrebbe assumere 1.000 mg di calcio.

Fibre

  • Cosa sono le fibre? Le fibre sono una forma non-digeribile di carboidrato presente nei vegetali. Favoriscono il senso di sazietà, la regolarità intestinale e contribuiscono a ridurre il rischio di malattie cardiache e diabete.
  • In che modo gli alimenti funzionali possono essere di aiuto? La dietista Moores rimarca che una dieta sana dovrebbe includere alimenti ricchi di fibre, come legumi, verdura e cereali integrali. “Le fibre con cui vengono arricchiti pane o cereali possono essere una buona cosa”, afferma Moores. Tuttavia, secondo l’USDA non è chiaro se le fibre, quando vengono aggiunte agli alimenti, offrano i medesimi benefici per la salute delle fibre presenti negli alimenti allo stato naturale.
  • Qual’è la quantità di fibre di cui abbiamo bisogno? Le donne necessitano di 25 grammi di fibre al giorno, mentre gli uomini dovrebbero assumerne 38 grammi. Il corpo umano necessita di due tipi di fibre. Le fibre solubili, che rallentano la digestione, si trovano nei legumi, nella frutta secca e nei cereali. Le fibre insolubili, che favoriscono il passaggio del cibo attraverso il corpo, si trovano nelle verdure e nei cereali integrali.

Acidi grassi Omega 3

  • Cosa sono gli acidi grassi Omega 3? Gli Omega 3 sono acidi grassi essenziali noti come DHA ed EPA, di cui il corpo necessita per preservare il corretto funzionamento del cervello e lo sviluppo dei nervi. La ricerca suggerisce che gli acidi grassi Omega 3 possono contribuire a migliorare la memoria e l’umore. Possono anche ridurre il rischio di malattie cardiache. Gli acidi grassi Omega 3 si trovano allo stato naturale nei pesci grassi come salmone, tonno, merluzzo e sardine. Si trovano anche, in quantità inferiori, nella frutta secca e nei semi come noci, mandorle e lino.
  • In che modo gli alimenti funzionali possono essere di aiuto? Attualmente, gli Omega 3 vengono aggiunti a molti alimenti funzionali, come per esempio uova, soia e cereali. Il problema è che l’Omega 3 più comunemente aggiunto ai cibi è l’acido alfa-linolenico (ALA), che può non apportare i medesimi benefici per la salute degli acidi grassi DHA ed EPA. Inoltre, molti alimenti funzionali non contengono quantità significative di Omega 3, afferma Gerbstadt. Ella raccomanda l’assunzione di integratori qualora si desideri aumentare i livelli degli acidi grassi Omega 3.
  • Qual’è la quantità di Omega 3 di cui abbiamo bisogno? Per ottenere benefici tangibili a livello di salute, si dovrebbero assumere tra i 7 e gli 11 grammi di acidi grassi Omega 3 alla settimana. In una porzione di salmone da 113 grammi circa sono presenti 2 grammi di acidi grassi Omega 3.

Prima di recarsi al supermercato per acquistare alimenti funzionali, è bene tenere a mente quanto segue: gli esperti di nutrizione affermano che la maggior parte dei nutrienti di cui abbiamo bisogno dovrebbe derivare dal consumo diretto di cibi che contengono tali sostanze allo stato naturale, come cereali integrali, frutta, verdura, latticini poveri di grassi, pesce e carne magra. I benefici per la salute ottenibili dalle complesse combinazioni dei micronutrienti presenti negli alimenti allo stato naturale, possono non essere gli stessi ottenibili dai cibi fortificati. Tuttavia, se si ritiene di necessitare di una “spinta” nutrizionale, è consigliabile chiedere al medico se il consumo degli alimenti funzionali può contribuire ad incrementare l’assunzione dei nutrienti specifici necessari.

Fonti

  • Tuft University School of Medicine: “Omega 3 Fatty Acids”
  • University of Delaware, Cooperative Extension: “Calcium”
  • American Heart Association: “Calcium, Dietary”
  • University of Maryland Medical Center: “Vitamin D”
  • National Institutes of Health: “Dietary Supplement Fact Sheet: Vitamin D”
  • Joslin Diabetes Center: “Lower Your Cholesterol with Plant Sterols and Stanols”

Condividi con: