Effetto placebo: cos’è?


Un placebo può essere definibile come una sostanza che sembra essere un trattamento medico “vero”, ma in realtà non lo è. Nella letteratura scientifica viene definito come un farmaco terapeuticamente inattivo. Il placebo è disponibile sotto forma di pillola, sciroppo o polvere. Ciò che hanno in comune tutti i placebo è che nessuno di loro contiene sostanze in grado di trattare una condizione medica.

Link sponsorizzati

Come vengono impiegati i placebo?

I ricercatori utilizzano i placebo nel corso dei loro studi al fine di comprendere l’effetto che un nuovo farmaco o qualche altro tipo di trattamento potrebbero avere su una particolare condizione.

Ad esempio, nel corso di uno studio ad alcune persone potrebbe essere somministrato un nuovo farmaco atto a ridurre il colesterolo, mentre ad altre un placebo. Nessuna delle persone coinvolte nello studio verrà informata circa l’esatta natura della sostanza assunta.

In seguito, i ricercatori metteranno a confronto gli effetti riferiti dai soggetti sia del farmaco che del placebo. In questo modo, sarà loro possibile determinare l’efficacia del nuovo farmaco e verificare la presenza di eventuali effetti collaterali.

Che cos’è l’effetto placebo?

Talvolta una persona può presentare una reazione dopo aver assunto un placebo. Tale reazione può essere positiva o negativa. Per esempio, i sintomi del soggetto possono migliorare oppure potrebbe sperimentare reazioni paragonabili a effetti collaterali. L’insieme di queste reazioni è conosciuto come “effetto placebo”.

Esistono alcune condizioni in cui l’assunzione di un placebo può produrre risultati anche se il soggetto è perfettamente consapevole della natura della sostanza assunta. Gli studi dimostrano che i placebo possono avere un effetto su condizioni come:

In uno studio condotto sull’asma, i soggetti che avevano fatto uso di un placebo sotto forma di inalatore una volta sottoposti ad esami atti a testare la respirazione, non presentavano risultati migliori ottenibili stando seduti senza svolgere nessun tipo di attività. Ma nel momento in cui i ricercatori hanno interrogato i soggetti chiedendo delucidazioni circa la loro percezione riguardo al come si fossero sentiti, l’inalatore placebo è risultato essere efficace tanto quanto un farmaco nell’arrecare sollievo.

effetto placebo

Come funziona l’effetto placebo?

La ricerca condotta sull’effetto placebo è stata principalmente focalizzata sulla relazione esistente fra mente e corpo. Una delle teorie più comuni sostiene che l’effetto placebo sia strettamente correlato alle aspettative del soggetto. Per chiarire meglio il concetto, se una persona si aspetta che l’assunzione di una determinata pillola possa comportare un certo tipo di effetto, è possibile che la chimica del corpo stesso possa favorire il presentarsi di effetti simili a quelli che potrebbe aver procurato l’assunzione di un farmaco vero e proprio.

Per esempio, in uno studio ai soggetti coinvolti è stato somministrato un placebo dicendo loro che si trattava di uno stimolante. Dopo aver assunto la pillola, il loro battito cardiaco risultava accelerato, la pressione sanguigna aumentata e la velocità di reazione migliore. In un secondo momento, agli stessi soggetti è stata somministrata la medesima pillola dicendo loro che si trattava di una sostanza atta a favorire il sonno. Gli effetti sperimentati sono stati diametralmente opposti a quelli precedenti.

Gli esperti affermano inoltre che esiste una relazione fra il livello di intensità delle aspettative del soggetto e la probabilità o meno che i risultati, oggetto di aspettativa, possano realizzarsi concretamente. Più la sensazione è intensa, maggiori sono le probabilità che il soggetto possa sperimentare effetti positivi.

Lo stesso sembra essere vero per quanto concerne gli effetti negativi. Se il soggetto si aspetta di sperimentare effetti collaterali come mal di testa, nausea o sonnolenza, vi è una probabilità maggiore che tali reazioni si presentino.

Il fatto che l’effetto placebo sia correlato alle aspettative, non lo rende immaginario. Alcuni studi dimostrano che possono verificarsi cambiamenti fisici effettivi in concomitanza con l’effetto placebo. Per esempio, alcuni studi hanno documentato un aumento della secrezione di endorfine da parte dell’organismo. Le endorfine sono uno degli antidolorifici naturali prodotti dal corpo umano.

Uno dei problemi che comporta l’effetto placebo è la possibile difficoltà nel distinguere gli effetti reali di un farmaco vero e proprio nel corso di uno studio. Troavare il modo per distinguere l’effetto placebo dall’effetto concreto del trattamento potrebbe contribuire a migliorare nonché a ridurre i costi dei test svolti sui farmaci. Inoltre, studi più approfonditi potrebbero portare alla scoperta di modi per poter impiegare il potere dell’effetto placebo nell’ambito delle cure mediche.

Fonti

  • American Cancer Society: “Effetto placebo: che cos’è l’effetto placebo?”
  • MedicineNet: “Definizione dell’effetto placebo”
  • Neurology.org: “Pagina del paziente: l’effetto placebo”
  • National Center for Complementary and Alternative Medicine: “Ruoli potenziali dell’effetto placebo nella cura della salute”

Condividi con: