Crampi e spasmi muscolari: cause e rimedi


Avete deciso di approfittare di una bella giornata per uscire e fare una corsa, quando all’improvviso i muscoli del polpaccio o del piede diventano duri, tesi ed estremamente dolorosi. E’ proprio in quel momento che si sperimenta ciò che viene definito crampo muscolare.

Link sponsorizzati

Talvolta in lingua inglese chiamati “charley horses” (Charley è il nome tipico dei vecchi cavalli un po’ zoppicanti), specie quando i muscoli coinvolti sono quelli del polpaccio, i crampi sono causati da spasmi muscolari e da contrazioni involontarie di uno o più muscoli. Oltre ai muscoli di piede e polpaccio, esistono altri muscoli soggetti a spasmi, ovvero quelli della parte anteriore e posteriore della coscia, delle mani, delle braccia, dell’addome e i muscoli della gabbia toracica.

Quasi tutti sperimentano crampi muscolari, che sopraggiungono senza preavviso. Ma che cosa li causa? E cosa è possibile fare per alleviarli?

Possibili cause dei crampi muscolari

I crampi muscolari possono essere causati da molteplici possibili cause, tra cui:

  • cattiva circolazione sanguigna nelle gambe
  • sforzo eccessivo dei muscoli del polpaccio mentre si pratica attività fisica
  • esercizi di stretching insufficienti prima della sessione di allenamento
  • affaticamento muscolare
  • disidratazione
  • carenza di calcio nelle donne in gestazione
  • malfunzionamento dei nervi, che potrebbe essere causato da un problema dovuto a una lesione del midollo spinale o alla compressione di un nervo di collo o schiena

crampi e spasmi muscolari (600 x 520)

I crampi muscolari possono verificarsi anche come effetto collaterale di alcuni farmaci. I medicinali che possono causare crampi muscolari sono:

  • Lasix (furosemide), Microzide (idroclorotiazide) e altri diuretici utilizzati per rimuovere i fluidi dall’organismo
  • Aricept (donepezil), impiegato per trattare il morbo di Alzheimer
  • Prostigmina (neostigmina), impiegata in caso di miastenia grave
  • Procardia (nifedipina), un trattamento per angina e ipertensione
  • Evista (raloxifene), un trattamento per l’osteoporosi
  • Brethine (terbutalina), Proventil e Ventolin (salbutamolo), farmaci per l’asma
  • Tasmar (tolcapone), un farmaco impiegato per trattare il morbo di Parkinson
  • Farmaci a base di statine per il colesterolo come Crestor (rosuvastatina), Lescol (fluvastatina), Lipitor (atorvastatina), Mevacor (lovastatina), Pravachol (pravastatina) o Zocor (simvastatina)

Trattamento di uno spasmo muscolare

Quando si verificano i crampi muscolari, è possibile alleviarli in molteplici modi, come massaggiare il muscolo, allungarlo, applicare un impacco freddo, riscaldarlo o fare un bagno con il sale di Epsom.

In caso di crampo al polpaccio o alla parte posteriore della coscia (bicipite femorale), è consigliabile spostare il peso sulla gamba interessata e flettere leggermente il ginocchio, oppure sedersi o sdraiarsi mantenendo la gamba dritta e tendendo la parte superiore del piede in direzione della testa.

In caso di crampo alla parte anteriore della coscia (quadricipite), è bene appoggiarsi a una sedia per reggersi e tendere il piede all’indietro verso il gluteo.

Per ridurre il rischio di crampi:

  • consumare una maggiore quantità di alimenti ricchi di vitamine e calcio
  • effettuare adeguati esercizi di stretching prima di praticare attività fisica

Nella maggior parte dei casi, i rimedi casalinghi sono sufficienti per gestire i crampi muscolari, che solitamente scompaiono nel giro di pochi minuti. Nel caso in cui dovessero verificarsi di frequente o senza alcuna ragione apparente, sarebbe opportuno consultare il medico. Potrebbero essere segno di un problema medico che necessita di un trattamento specifico.

Referenze

  • American Academy of Orthopaedic Surgery: “Muscle Cramp”
  • Northwestern Health Sciences University: “Charley Horses – Why Do I Get Them and How Can I Stop Them?”
  • LECOM College of Osteopathic Medicine: “Muscle Cramp – A Common Pain”
  • National Library of Medicine: “Muscle Cramps”

Condividi con: