Trattamenti anti-età: quali funzionano davvero?


Preservare la giovinezza il più possibile è ormai parte integrante delle aspettative della società odierna. Le soluzioni disponibili sono moltpelici: creme, trattamenti topici mirati, trattamenti estetici di varie tipologie e così via. Ma tutti questi prodotti sono realmente efficaci? Aiutano davvero a prolungare la tanto desiderata giovinezza? Scopriamolo insieme.

Link sponsorizzati

Quali prodotti sono stati scientificamente provati come anti-età?

E’ stato dimostrato che i prodotti contenenti ingredienti attivi come retinoidi, alfa-idrossiacidi, acido azelaico, idrochinone, acido cogico e acido salicilico possono lenire i segni del tempo e conferire alla pelle un aspetto più giovane.

Borse sotto gli occhi

I farmaci da banco per uso topico utilizzati per trattare le emorroidi possono sgonfiare le borse sotto gli occhi, contribuendo a rassodare e levigare la pelle. Inoltre, le bustine di tè verde contengono un antinfiammatorio naturale che può contribuire a ridurre l’accumulo di liquidi che favoriscono il gonfiore. Si tratta comunque di rimedi temporanei. Per una soluzione di maggiore durata è meglio optare per filler antirughe iniettabili o per un lifting chirurgico.

Le creme topiche possono eliminare la cellulite?

NO. E’ bene sfatare una volta per tutte questa convinzione piuttosto diffusa tra le donne. Le creme anti-cellulite possono contribuire a migliorare temporaneamente l’aspetto della pelle a buccia di arancia, ma non a eliminare in modo definitivo il problema. E’ possibile contrastare la cellulite in altri modi. Per maggiori approfondimenti al riguardo, vi invitiamo a leggere questo articolo.

trattamenti_antietà.jpg

Occhiaie

I fattori che contribuiscono alla formazione delle occhiaie sono molteplici, tra cui ereditarietà, genetica e stanchezza (che può peggiorare l’aspetto delle occhiaie). Le bevande alcoliche disidratano la pelle, rendendo le occhiaie ancora più marcate. Spesso la causa di fondo è da ricercarsi nell’eccesso di pigmentazione e nella dilatazione dei vasi sanguigni che si trovano sotto la pelle. Il trattamento dipende dal tipo di occhiaie.

Nel caso in cui il problema sia causato dall’assottigliamento della pelle, i trattamenti laser o di luce pulsata intensa possono vaporizzare i vasi sanguigni causa della decolorazione. Se le occhiaie sono dovute a problemi di pigmentazione (un problema che riguarda principalmente gli afro-americani e gli asiatici), trattamenti schiarenti, come l’idrochinone, possono essere di aiuto. Se il problema è superficiale, la soluzione migliore è un filler antirughe.

Pelle rilassata su collo e guance

Le procedure di ringiovanimento laser, come ad esempio il CO2 laser skin resurfacing, la chirurgia laser YAG (granato di ittrio e alluminio) e la luce pulsata intensa, possono ringiovanire e rassodare la pelle. Esistono diverse tipologie di trattamenti che non prevedono l’impiego della chirurgia, utilizzabili singolarmente o in combinazione, e che contribuiscono a rassodare una eventuale pellle rilassata su collo e guance. Il botox può essere utilizzato per rendere meno marcate le “collane di venere” e i prodotti che contengono ingredienti atti a rassodare la pelle (come niacinamide, acido ialuronico ed esamidina) possono essere utili nel trattare lievi segni di invecchiamento, quali le rughe di espressione, per esempio.

I peeling chimici e gli antiossidanti possono tornare utili per ringiovanire l’aspetto della pelle, migliorando l’incarnato e riducendo la visibilità di macchie senili. Tuttavia, non sono altrettanto utili nel trattamento della pelle rilassata. I dermatologi affermano che i prodotti a base di collagene che vengono applicati sulla pelle non penetrano in profondità rimanendo pressoché intatti.

Macchie senili

L’idrochinone è uno dei trattamenti in assoluto più efficace per quanto concerne le macchie senili. Questo agente sbiancante topico è disponibile su prescrizione medica o sotto forma di creme acquistabili in farmacia senza ricetta. Tuttavia, la FDA sta riconsiderando di vietare la commercializzazione dei prodotti da banco a causa delle preoccupazioni insorte riguardo una eventuale tossicità degli ingredienti. Anche i peeling chimici e i trattamenti laser contribuiscono a ridurre le macchie senili.

Quale trattamento può stimolare la produzione di collagene?

I retinoidi topici (derivati della vitamina A) sono tra i trattamenti più comuni per contrastare rughe e altri segni di invecchiamento della pelle, oltre ad essere utili nel trattamento di una vasta gamma di problemi della pelle. I retinoidi aumentano il ricambio e la produzione di collagene nella pelle rassodandola.

Gli antiossidanti come la vitamina E, gli alfa-idrossi e i beta-idrossi-acidi possono migliorare l’aspetto della pelle e ridurre i segni dell’invecchiamento.

I prodotti contenenti vitamina E utilizzati in combinazione con i retinoidi possono conferire alle pelle un aspetto più levigato.

In caso di pelle sensibile è consigliabile evitare gli alfa-idrossi-acidi, come l’acido glicolico. I beta-idrossi, gli antiossidanti e anche i retinoidi possono causare irritazione. Come alternativa, è possibile utilizzare prodotti che contengono acidi polidrossi (PHA) in quanto meno irritanti. In caso di pelle molto secca, è consigliabile ridurre l’uso quotidiano degli alfa-idrossi-acidi e preferire l’applicazione di creme idratanti. Inoltre, assicuratevi di applicare quotidianamente una protezione solare quando applicate uno qualsiasi di questi prodotti.

I prodotti anti-acne per gli adolescenti possono essere utilizzati anche dagli adulti?

L’acne adulta si differenzia notevolmente da quella che colpisce gli adolescenti, sia nel modo in cui si presenta che nel trattamento. La pelle degli adolescenti è diversa e presenta maggiori probabilità rispetto agli adulti di occlusione dei pori. La maggior parte dei prodotti da banco contengono acido salicilico e perossido di benzoile, ottimi per brufoli e pustole, ma non altrettanto validi per una ben più profonda acne adulta.

Unghie fragili

Diversi studi hanno dimostrato che gli integratori di biotina (una vitamina B) contribuiscono a ispessire le unghie impedendone lo sfaldamento e la rottura. Il calcio, i minerali colloidali o la gelatina possono rinforzare le unghie. I dermatologi affermano che gli indurenti per unghie possono creare più danni rispetto ai benefici che sono in grado di apportare, perlomeno nella maggior parte delle persone.

Quali sostanze mantengono la pelle idratata e soda conferendole un aspetto più giovane?

Gli acidi grassi essenziali come gli omega 3 e gli omega 6 sono gli elementi costitutivi delle membrane cellulari sane e, di conseguenza, di una pelle sana. La maggior parte delle persone segue una dieta ricca di omega 6 (prodotti da forno, oli da cucina, cereali e pollame) ma carente di omega 3. Per avere una pelle più sana, è consigliabile consumare più omega 3. Alcune tra le fonti migliori sono salmone, sgombro, lino, olio di cartamo, noci, sardine e uova fortificate.


Condividi con: