Sbiancamento dei denti: cosa fare per un trattamento fai-da-te sicuro


Avere un sorriso smagliante oggigiorno sembra essere alla portata di tutti, visto il boom del giro di affari che ruota intorno allo sbiancamento dei denti. A partire dalle strisce sbiancanti acquistabili anche al supermercato fino ad arrivare ad un trattamento di stampo professionale effettuato dal dentista, sembra non sussistere più una ragione valida per avere denti macchiati o scuriti.

Link sponsorizzati

Gli effetti collaterali di questi prodotti sono irrisori se utilizzati correttamente seguendo le istruzioni, ma possono talvolta presentarsi. Quindi, prima di procedere con un regime sbiancante fai-da-te, è consigliabile seguire i consigli che vi offriremo qui di seguito per agire in piena sicurezza e per mantenere bocca e gengive sane.

La prima cosa da fare è recarsi dal dentista

Anche se decidete di sbiancare i denti utilizzando prodotti fai-da-te come strisce o gel, è bene effettuare anzitutto una pulizia professionale e un esame della bocca. Potreste infatti rendervi conto che quello di cui avete bisogno per ridare brillantezza ai denti è solamente una semplice pulizia effettuata dal dentista.

Una visita, inoltre, può rilevare la presenza di eventuali carie. Trattare la carie con tempestività è fondamentale per garantire la piena sicurezza del trattamento sbiancante.

Il dentista valuterà lo stato delle gengive. Se risultano infiammate, è bene rinviare qualsiasi tipo di trattamento sbiancante.

Chiedete consiglio al dentista su quale metodo sbiancante fai-da-te è meglio utilizzare. Chiedete anche informazioni circa l’effettivo sbiancamento che potrete ottenere. I denti tendono a scurirsi con l’età e la gamma di colore varia da persona a persona.

Scegliete i prodotti sbiancanti con saggezza

I prodotti sbiancanti utilizzabili a casa contengono perossidi, tipicamente perossido di carbamide, in concentrazioni diverse (spesso dal 10% al 20%).

Optate per un prodotto contenente un agente sbiancante di media gamma (ovvero che non abbia né la concentrazione più elevata, ma nemmeno la concentrazione più bassa). Se lo tollerate bene, ma notate che l’effetto sbiancante non è quello desiderato, potete scegliere un prodotto con una maggiore concentrazione.

sbiancamento denti

Seguite scrupolosamente le istruzioni

L’applicazione di strisce o gel oltre il tempo consigliato, può irritare le gengive e causare problemi.

Per esempio, molti prodotti sbiancanti suggeriscono una applicazione di 30 minuti al giorno per 2 settimane circa. Prolungare la tempistica consigliata, può aumentare il rischio di infiammazioni gengivali.

Alla fine di ogni sessione di sbiancamento, evitate le bevande acide per almeno un paio d’ore per proteggere i denti.

Siate realistici

Per sicurezza, le donne incinte o le neomamme in fase di allattamento dovrebbero posticipare lo sbiancamento dei denti.

La corona dei denti non beneficia dello sbiancamento, come indicato e suggerito dai prodotti in questione. Quindi, se quando sorridete la corona dei vostri denti è visibile, ricordate che un eventuale sbiancamento potrebbe provocare un aspetto irregolare del colore.

Attenzione ai denti sensibili

Molti prodotti sbiancanti possono causare una sensibilità lieve e temporanea. Nel caso in cui l’infiammazione o la sensibilità risultino fastidiose, interrompete il trattamento e parlatene col dentista.

Se il prodotto (strisce o mascherina) non si adatta bene alla vostra dentatura, potrebbe causare una irritazione delle gengive. Anche in questo caso, è bene interrompere il trattamento.

Se i denti e le gengive sono sani, esistono meno probabilità di presentare un problema di sensibilità.

Lo sbiancamento dei denti non deve diventare un’ossessione

Vista l’accessibilità e la vasta gamma di prodotti sbiancanti, alcune persone ritengono che maggiore è l’applicazione migliore sarà il risultato.

Ma quando il troppo stroppia? Dopo aver seguito scrupolosamente le indicazioni e dopo aver ottenuto un buon risultato, di solito è sufficiente un trattamento preventivo o una sessione di ritocco una volta al mese.

Quando i vostri denti raggiungeranno una tonalità realistica, è sufficiente ripetere le sessioni di sbiancamento 1-2 volte all’anno circa.

Fonti

  • American Dental Association: “Tooth Whitening Treatments”
  • Jorgensen, M. Journal of the American Dental Association, 2002, volume 133, pagine 1076-1082

Condividi con: