Igiene orale: l’amara verità sullo spazzolino da denti


Sapete cosa si nasconde sul vostro spazzolino da denti? I ricercatori dell’Università inglese di Manchester affermano che lo spazzolino presenta una quantità elevata di germi. Hanno infatti scoperto che uno spazzolino scoperto può ospitare più di 100 milioni di batteri, compresi i batteri dell’Escherichia Coli, che può causare diarrea, e gli stafilococchi che provocano infezioni cutanee. Tuttavia, non è il caso di farsi prendere dal panico. La bocca stessa, infatti, non è sicuramente quello che si può definire un luogo sterile.

Link sponsorizzati

Bocca e batteri

La bocca presenta quotidianamente al proprio interno centinaia di microrganismi. Questo non rappresenta un problema. I problemi hanno inizio in caso di equilibrio malsano dei batteri presenti nel cavo orale. E’ importante ricordare che la placca (la sostanza che viene rimossa dai denti durante lo spazzolamento) è composta da batteri. Quindi, ogni volta che ci si lava i denti, questi batteri finiscono col depositarsi sullo spazzolino.

Lo spazzolamento dei denti

Lo spazzolamento dei denti, specie se effettuato con uno spazzolino elettrico, spinge di fatto questi organismi sotto la pelle della bocca.

Dal momento che molti di questi germi sono presenti sullo spazzolino, perché precedentemente siti nella bocca, non possono causare nuove malattie a meno che lo spazzolino non venga condiviso con altre persone. Tuttavia, tali germi possono ricoprire un ruolo importante nelle malattie ricorrenti.

Quando le difese del sistema immunitario sono basse, questa “trasmigrazione” di germi diventa clinicamente importante. In sostanza, è come se un individuo si stesse reinfettando.

Spazzolino e malattie

Lo spazzolino può provocare malattie? Probabilmente no. Indipendentemente dal numero di batteri presenti nella bocca o trasferiti in essa tramite l’uso dello spazzolino, le difese naturali del corpo umano rendono altamente improbabile lo sviluppo di una infezione lavandosi i denti.

Fortunatamente, il corpo umano di solito è in grado di difendersi dai batteri. Gli studiosi non sono a conoscenza di prove reali e certe attestanti il fatto che riporre lo spazzolino da denti in bagno nell’apposito porta spazzolino possa risultare dannoso. Non è possibile sapere se i batteri trasferiti sullo spazzolino si trasmuteranno in infezioni.

In ogni caso, il buon senso in questa circostanza è quanto mai opportuno. Infatti, è bene prestare molta attenzione al come viene conservato questo strumento, incluso il luogo ove viene riposto.

verità spazzolino denti

Mai spazzolarsi i denti mentre si tira lo sciacquone

I bagni sono perlopiù piccoli e in molte case i servizi igienici sono limitrofi al lavandino, dove abitualmente si ripone lo spazzolino da denti. Ogni volta che si tira lo sciacquone, i batteri fecali vengono diffusi nell’aria. E sicuramente non è gradevole sapere che essi possono diffondersi liberamente su qualsiasi superficie, spazzolino compreso.

Anche in questo caso, il buon senso è l’arma ideale: meglio riporre lo spazzolino il più lontano possibile dai servizi igienici.

Il porta spazzolini

Il porta spazzolini spesso è limitrofo ai servizi igienici, e tale posizionamento agevola l’attecchimento al suo interno dei batteri diffusi nell’aria dopo aver tirato lo sciacquone. Secondo il ricercatore Rob Donofrio, direttore di Microbiologia presso NSF International, il porta spazzolino è uno tra gli oggetti più trascurati durante la pulizia del bagno. Questo dato è alquanto strano, soprattutto in considerazione del fatto che i partecipanti allo studio condotto da Donofrio hanno espressamente affermato di considerare il porta spazzolini come uno dei luoghi più probabili dove i germi tendono a depositarsi. In realtà, il porta spazzolini all’interno della classifica degli oggetti più sporchi della casa ricopre la terza posizione.

Come conservare lo spazzolino 

Anzitutto, come scritto nei paragrafi precedenti, è bene riporre lo spazzolino il più lontano possibile dai servizi igienici. Di seguito, proponiamo altri utili suggerimenti su come conservare lo spazzolino e mantenerlo il più possibile privo di germi:

  • Sciacquare lo spazzolino con cura. E’ consigliabile lavare accuratamente lo spazzolino con l’acqua del rubinetto ogni volta che viene utilizzato.
  • Lasciare asciugare lo spazzolino. I batteri prediligono un ambiente umido. Quindi, è bene assicurarsi che lo spazzolino abbia la possibilità di asciugarsi completamente fra un utilizzo e l’altro. Evitare l’uso di custodie per spazzolini, poiché possono favorire la formazione di un ambiente umido, terreno fertile per la proliferazione dei batteri.
  • Riporre lo spazzolino in posizione verticale. E’ consigliabile riporre lo spazzolino in posizione verticale nell’apposito porta spazzolini, piuttosto che appoggiarlo sul lavabo (o su qualsiasi altra superficie) in posizione orizzontale.
  • Non condividere il proprio spazzolino con altre persone e non utilizzare lo spazzolino altrui, anche se si tratta di persone care. Inoltre, è bene non riporre lo spazzolino nel medesimo porta spazzolini di altre persone. Ogni volta che gli spazzolini da denti entrano in contatto tra di loro, possono scambiarsi i germi.

Astuccio disinfettante per spazzolino: funziona davvero?

Esistono in commercio vari prodotti che promettono di disinfettare lo spazzolino. Alcuni sostengono di eliminare i batteri con il calore, la luce ultravioletta, lo spray germicida oppure con risciacqui. Altri invece sono dotati di setole antibatteriche.

Esistono prove che almeno alcuni di questi prodotti possono effettivamente eliminare i germi. Ma non vi è prova certa che l’utilizzo di qualsiasi disinfettante per spazzolini possa ridurre il rischio di contrarre malattie. Nel caso in cui si decida di fare uso di uno di questi prodotti, è bene assicurarsi che sia stato verificato e accreditato dal Ministero della Salute.

Quando cambiare lo spazzolino

Il modo migliore per limitare la presenza di batteri sullo spazzolino da denti, è quello di sostituirlo regolarmente.

Gli esperti raccomandano di cambiarlo ogni 3-4 mesi. Se le setole dello spazzolino si consumano con estrema facilità o se risultano eccessivamente consumate, è bene sostituirlo con maggiore frequenza. Se si utilizza uno spazzolino elettrico, è consigliabile cambiare la testina con la medesima frequenza.

Praticare una buona igiene orale

Ogni volta che si è tentati di non lavarsi i denti, è bene ricordare l’innumerevole quantità di batteri che si annidano nella bocca e ciò che essi possono causare.

Si tratta di batteri che possono provocare malattie gengivali, carie e alitosi. E’ bene assicurarsi di utilizzare lo spazzolino e il filo interdentale il più spesso possibile in modo da eliminare alcuni di questi batteri. Sciacquare la bocca con un collutorio antibatterico prima di lavarsi i denti, contribuisce ad eliminare i batteri prima che questi possano raggiungere lo spazzolino.

Referenze

  • American Dental Association, The Journal of the American Dental Association, marzo 2006, volume 137, pag. 415
  • ADA – ADA Statement on Toothbrush Care: Cleaning, Storage and Replacement
  • Sato S., Journal of Applied Oral Science, giugno 2004, volume 12, pagine 99-103
  • Boylan R., American Journal of Dentistry, ottobre 2008, volume 21, pagine 313-317

Condividi con: