Perdita della memoria: cause e trattamento - Oldeconomy

Perdita della memoria: cause e trattamento




Potrebbe sembrare la trama di uno dei tanti film che si vedono spesso al cinema o in tv: una persona subisce un colpo alla testa e vaga senza meta incapace di ricordare il suo passato. Sebbene questo tipo di perdita della memoria, ovvero improvvisa e profonda, sia piuttosto raro, la perdita della memoria è un problema che colpisce molte persone.

Sia che si tratti di dimenticanze occasionali che di perdita della memoria a breve termine che arrivano ad interferire con la vita di tutti i giorni, le cause scatenanti sono molteplici.

 

perdita_memoria.jpg

Le cause della perdita di memoria

Di seguito elencheremo alcuni tra i fattori più comuni che possono causare perdita di memoria:

Farmaci - Esistono alcuni farmaci (sia soggetti a prescrizione medica che da banco) che possono interferire o causare perdita di memoria, tra cui antidepressivi, antistaminici, ansiolitici, miorilassanti, tranquillanti, sonniferi e antidolorofici prescritti a seguito di un intervento chirurgico.

Alcol, tabacco o uso di sostanze stupefacenti - Da tempo il consumo eccessivo di alcol è stato riconosciuto come una delle cause di perdita della memoria. Il fumo, invece, danneggia la memoria riducendo la quantità di ossigeno che arriva al cervello. Gli studi hanno dimostrato che i fumatori riscontrano maggiori difficoltà rispetto ai non fumatori nel dare un nome ai volti che visualizzano. L'utilizzo di sostanze illecite può modificare le sostanze chimiche presenti nel cervello, rendendo più difficoltoso il ricordo di eventi passati.

Privazione del sonno - La quantità di ore di sonno e la qualità dello stesso, sono molto importanti per la memoria. Dormire troppo poco o svegliarsi frequentemente durante la notte può comportare stanchezza che, a sua volta, interferisce con la capacità di consolidare e recuperare le informazioni.

Depressione e stress - La depressione rende più difficoltosa la capacità di concentrazione minando anche il livello di attenzione. Ciò può inevitabilmente influenzare la memoria. Anche lo stress e l'ansia possono interferire con la capacità di concentrazione. Quando si è tesi, la mente è sovrastimolata o distratta e la capacità di ricordare ne può risentire. Anche lo stress causato da un trauma emotivo può comportare perdita di memoria.

Carenze nutrizionali - Una buona alimentazione, comprensiva di proteine e grassi di alta qualità, è di fondamentale importanza per un corretto espletamento delle funzioni cerebrali. In particolare, la carenza di vitamina B12 e B1 può influenzare la memoria.

Lesioni alla testa - Un grave colpo alla testa, dovuto per esempio ad una caduta o ad un incidente stradale, può danneggiare il cervello e causare perdita di memoria, sia a breve che a lungo termine. La memoria, tuttavia, può migliorare gradualmente nel tempo.

Ictus - L'ictus si verifica quando il regolare afflusso di sangue al cervello viene compromesso a causa dell'ostruzione o della rottura di un vaso sanguigno presente nel cervello. L'ictus causa spesso una perdita della memoria a breve termine. Una persona colpita da ictus può avere infatti ricordi vividi di eventi vissuti durante l'infanzia, ma può non essere in grado di ricordare ciò che ha mangiato a pranzo.

Demenza - La demenza è caratterizzata dalla perdita progressiva di memoria e altri aspetti correlati alla capacità di pensiero, sufficientemente gravi da interferire con la capacità di svolgere le abituali attività quotidiane. Le cause di questa malattia sono molteplici, ma la più comune è il morbo di Alzheimer. Quest'ultimo è caratterizzato da una perdita progressiva delle cellule cerebrali e da altre irregolarità a carico della funzione cerebrale.

Altre cause - Altre possibili cause della perdita di memoria includono problemi tiroidei (ipotiroidismo e ipertiroidismo) e infezioni come HIV, tubercolosi e sifilide che colpiscono il cervello.

Trovare la causa della perdita di memoria

Se vi accorgete di essere sempre più smemorati o se i problemi di memoria interferiscono con la vita di tutti i giorni, fissate un appuntamento col medico per determinare la causa del problema e individuare un trattamento specifico.

Per poter valutare scrupolosamente il livello di perdita di memoria, il medico esaminerà la storia clinica del paziente, effettuerà un esame fisico (comprensivo di esame neurologico) e porrà domande atte a testare l'abilità mentale del soggetto. A seconda degli esiti, potrebbero essere necessarie ulteriori valutazioni, che possono includere un esame del sangue e delle urine, esame dei nervi e test di imaging del cervello, come la tomografia assiale computerizzata (TAC) o la risonanza magnetica (MRI).

Trattamento per la perdita di memoria

Il trattamento è strettamente correlato alla causa della perdita di memoria. In molti casi, può essere reversibile grazie ad un adeguato trattamento. Per esempio, la perdita di memoria dovuta all'assunzione di determinati farmaci può essere risolvibile apportando delle modifiche alla terapia farmacologica. L'assunzione di integratori nutrizionali può essere utile nel trattamento della perdita di memoria causata da carenze nutrizionali. Curare la depressione, inoltre, andrà senza dubbio a beneficio della memoria, qualora la causa sia la depressione stessa. In alcuni casi, come ad esempio a seguito di un ictus, la terapia è di notevole aiuto alle persone nel ricordare come svolgere determinati compiti, tipo camminare o allacciare le scarpe. In altri casi, invece, la memoria può migliorare col tempo.

I trattamenti possono anche essere specifici per le condizioni relative alla perdita di memoria. Per esempio, esistono farmaci per trattare i problemi di memoria correlati al morbo di Alzheimer e medicinali atti ad abbassare la pressione sanguigna, che contribuiscono a ridurre il rischio di ulteriori danni cerebrali derivanti dalla demenza correlati all'ipertensione.

 

 

Referenze

  • Baxendale, S. British Medical Journal, dicembre 2004, volume 329, pagine 1480-1483
  • FDA: "Fronteggiare la perdita di memoria" ("Coping with Memory Loss")
  • University of Buffalo The State University of New York: "Come preservare e migliorare la memoria" ("How to keep and improve memory")
  • WomensHealth.gov: "Stroke Fact Sheet"
  • University of Washington Neuroscience for Kids: "L'afflusso di sangue del cervello" ("The Blood Supply of the Brain")
  • University of Maryland Medical Center: "Demenza" ("Dementia")
  • Alzheimer's Association: "Farmaci per la perdita della memoria" ("Medications for Memory Loss")




Link sponsorizzati