Nausea e vomito: guida ai rimedi


La nausea e il vomito sono estremamente spiacevoli, ma di solito non dannosi. Le cause più comuni comprendono: infezione virale, gravidanza, assunzione di alcuni tipi di farmaci, intossicazione alimentare e cinetosi.

Link sponsorizzati

Sintomi più gravi, quali stato confusionale, dolore addominale, febbre alta, debolezza e/o vomito persistente, possono essere segno di una condizione più grave. In questi casi è consigliabile rivolgersi al medico per una valutazione più accurata.

 

nausea_vomito.jpg

Segni di disidratazione

In caso di vomito,  è bene prestare particolare attenzione ad eventuali segni di disidratazione: aumento del senso di sete, labbra o bocca secche, occhi infossati, frequenza respiratoria rapida oppure battito cardiaco accelerato. 

I bambini sono più a rischio di disidratazione rispetto agli adulti. Nei bambini, una minzione ridotta e una scarsa o assente lacrimazione rappresentano ulteriori avvisaglie di disidratazione.

Come trattare la disidratazione

In caso di vomito, è importante reintegrare i liquidi persi. Gli adulti e i bambini possono bere acqua, bevande elettrolitiche, soluzioni reidratanti orali o succhiare cubetti di ghiaccio. 

I bambini di età inferiore ai 6 anni sono più a rischio di disidratazione. Possono infatti necessitare di una soluzione reidratante anche solo dopo poche ore aver vomitato.

Attenzione alle bevande zuccherate

In caso di nausea e vomito, è consigliabile limitare il consumo di bevande zuccherate. Una quantità eccessiva di liquidi zuccherini può provocare diarrea.

Dieta liquida

Una volta alleviato il vomito, è possibile iniziare una dieta liquida. Piccole quantità di brodo di pollo (non grasso) o di succo di mela diluito costituiscono un buon inizio. 

Nel momento in cui alimenti e bevande tornano ad essere ben tollerati, è possibile passare a cibi morbidi, come gelatina e purea di mele. Il giorno successivo, è possibile consumare alimenti leggermente più solidi, come riso e pane tostato. Il ritorno a una dieta normale deve avvenire in modo graduale.

Farmaci

Nella maggior parte dei casi, nausea e vomito scompaiono in modo naturale. Tuttavia, per alcune persone l’assunzione di farmaci antiemetici contribuisce a prevenire e controllare gli episodi di vomito causati dalla nausea.

Alcuni farmaci, inoltre, sono di aiuto nell’alleviare la nausea e il vomito correlati alla cinetosi o alla chemioterapia. E’ bene comunque consultare sempre il medico prima di assumere farmaci.

Zenzero

Può sembrare uno dei classici rimedi della nonna, ma alcune ricerche suggeriscono che lo zenzero può essere in realtà un rimedio efficace per contrastare la nausea e il vomito correlati a gravidanza, mal d’auto e fase post-intervento chirurgico. In uno studio finanziato dal National Cancer Institute, i pazienti sottoposti a chemioterapia che assumevano una piccola dose giornaliera di zenzero (1/4 di cucchiaino), presentavano una riduzione significativa degli episodi di nausea.

Digitopressione

Alcuni studi suggeriscono che la digitopressione al polso contribuisce a gestire la nausea e il vomito correlati a gravidanza e chemioterapia.

Si ritiene che uno dei punti di pressione più efficaci nell’alleviare la nausea sia situato nella parte interna del braccio, pochi centimetri sopra il polso. 

Quando chiamare il medico

E’ consigliabile contattare immediatamente il medico nel caso in cui la malattia sia grave, ovvero se la persona non risponde ai trattamenti o se risulta essere eccessivamente debole per potersi muovere o stare in piedi, oppure se il vomito è accompagnato da torcicollo, cefalea, dolori addominali, presenza di sangue nel vomito, feci di colore scuro, stato confusionale, febbre alta o nel caso in cui si sospetti una intossicazione. Anche le persone ad alto rischio, a causa di una condizione sottostante o che necessitano l’assunzione di farmaci essenziali, dovrebbero consultare il medico.

 

Referenze

  • American Academy of Pediatrics: “Vomito” (“Vomiting”)
  • Centro Medico per bambini di Dayton (Stati Uniti): “Il trattamento di vomito e diarrea” (“Vomiting and Nausea Treatment”)
  • Centro Nazionale per la medicina complementare e alternativa (Stati Uniti): “Zenzero” (“Ginger”)
  • PubMed.gov: “L’efficacia della digitopressione nella gestione dei sintomi: una revisione sistematica”
  • Ebrahimi, N. – International Journal of Women’s Health, agosto 2010, volume 2, pagine 241-248
  • HealthyChildren.org: “Come trattare il vomito” (“Treating Vomiting”)

Condividi con: