Acne e stile di vita: i cambiamenti necessari


Per contrastare gli episodi di acne non basta solo applicare prodotti specifici per la cura della pelle. L’epidermide, lo strato superiore della pelle e il più grande organo del corpo umano, è molto vulnerabile all’alimentazione e all’ambiente con cui entra in contatto. I piccoli cambiamenti allo stile di vita che elencheremo nel corso dell’articolo, possono fare una grande differenza quando si tratta di contrastare l’acne.

Link sponsorizzati

L’importanza di un buon sonno

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Sleep, il rischio di stress psicologico aumenta del 14% per ogni ora di sonno persa durante la notte. In che modo ciò è correlabile all’acne? Lo stress incrementa la produzione di glucocorticoidi, che possono comportare anomalie strutturali e funzionali a carico della cute, esacerbando condizioni come l’acne.

Per godere appieno di tutti i benefici di un buon sonno ristoratore, regolate il termostato della camera da letto a 20°-22°. I ricercatori francesi hanno scoperto che una temperatura corporea più fresca favorisce il sonno.

Attenzione al consumo di zuccheri

Alcuni alimenti causano un rapido innalzamento dei livelli di glucosio nel sangue, provocando un picco insulinico e una conseguente infiammazione cellulare. Eccessivi livelli di insulina nel sangue provocano reazioni a livello ormonale ed endocrino. Tutto ciò può comportare lo sviluppo di cellule che ostruiscono i pori e una iperattività delle ghiandole sebacee.

Uno studio pubblicato sull’American Journal of Nutrition ha scoperto che le persone inclini a seguire una dieta a basso indice glicemico (comprensiva di cereali integrali, legumi, verdure e una quantità limitata di pasta, pane e riso raffinati e zuccheri) presentavano un numero inferiore di episodi di acne.

Praticare attività fisica fa la differenza

L’esercizio fisico riduce il girovita ma anche lo stress (è stato scoperto che lo stress contribuisce alla formazione di lesioni acneiche), regola i livelli ormonali, favorisce la circolazione sanguigna (trasportando una quantità maggiore di ossigeno alle cellule cutanee ed eliminando le scorie cellulari) e rafforza il sistema immunitario. Tuttavia, la sudorazione, a seguito della pratica di esercizio fisico, può anche provocare episodi di acne a causa dell’irritazione a cui è soggetta la cute. E’ quindi di estrema importanza rimuovere qualsiasi indumento che possa trattenere il sudore, come i reggiseni sportivi, e fare una doccia subito dopo l’allenamento.

ragazza con crema antiacne sul viso.jpg

Acqua: elimina le tossine e idrata

Bere acqua è un ottimo modo per eliminare le tossine interne e idratare la pelle dall’interno. Sebbene non esista una ricerca definitiva che dimostri che le tossine causino episodi di acne, i ricercatori della University of Missouri-Columbia hanno scoperto che bere 2 bicchieri di acqua circa favorisce in modo significativo il flusso sanguigno corporeo e cutaneo.

L’organismo necessita di neutralizzare ed eliminare le scorie prodotte a seguito dell’attività metabolica. Quando il sistema immunitario si indebolisce, il corpo non è in grado di contrastare da solo le sostanze tossiche. Questo comporta un aumento dei livelli di tossine, un indebolimento del sistema interno di disintossicazione e, di conseguenza, una maggiore incidenza di episodi di acne.

Sì al fattore di protezione solare (SPF)

Sebbene l’esposizione alla luce solare favorisca un aspetto migliore alle pelli inclini all’acne, è bene non sottovalutare l’importanza di una crema solare protettiva. Certo il sole asciuga la pelle (ecco perché essa appare meno grassa e priva di brufoli), ma l’infiammazione che comporta una scottatura può aggravare le lesioni acneiche e la condizione dei pori. Questo può comportare un aggravamento dell’acne.

E’ di fondamentale importanza applicare una crema con un adeguato fattore di protezione solare ogni volta che ci si espone al sole. E’ consigliabile leggere attentamente la lista dei principi attivi presenti nella crema scelta. Se si è inclini all’acne, è bene optare per ingredienti delicati e non occlusivi, come avobenzone, oxybenzone, metossicinnamato o octocrilene. I protettivi solari con bloccanti fisici che contengono ossido di zinco o ossido di titanio, tendono a essere più corposi e presentano maggiori probabilità di occludere i pori e aggravare la condizione delle pelli inclini all’acne.

Gli effetti benefici degli acidi grassi Omega 3

Sembra che non vi sia limite agli effetti benefici degli acidi grassi Omega 3 (i “grassi buoni”). Nel caso specifico dell’acne, è stato dimostrato che gli Omega 3 controllano la produzione di leucotriene B4, una molecola che può aumentare la secrezione di sebo e causare acne infiammatoria. Per godere appieno dei benefici di questo nutriente, è consigliabile assumere una dose giornaliera di un integratore di Omega 3 oppure aggiungere alla dieta quotidiana alimenti come noci, avocado, olio di semi di lino e salmone.

Detergere il viso due volte al giorno

Il viso presenta una quantità maggiore di ghiandole sebacee rispetto alle altre parti del corpo. A fine giornata, il trucco, il sudore, lo smog, la polvere e la sporcizia, se non debitamente rimossi, possono penetrare nei pori e ostruirli, causando la comparsa di punti neri e brufoli. E’ quindi importante detergere il viso al mattino e alla sera. E’ consigliabile optare per detergenti che riportano la dicitura “non comedogenico” e procedere con una accurata e delicata pulizia del viso.

Esfoliare la pelle

Certo, le ghiandole sebacee iperattive possono comportare episodi di acne. Lo stesso vale per le ghiandole sebacee che non svolgono la loro funzione propriamente. La pelle secca è caratterizzata da piccole screpolature, all’interno delle quali i batteri possono riprodursi. Inoltre, uno sfaldamento cutaneo eccessivo può comportare l’occlusione dei pori. Per rimediare a questo problema, è consigliabile esfoliare la pelle con delicatezza un paio di volte alla settimana utilizzando uno scrub per il viso per poi applicare un idratante non comedogenico.

Tenere il cellulare pulito

Diversi studi hanno dimostrato che i cellulari sono focolai di germi. Ogni giorno il cellulare può essere esposto a migliaia di batteri, che si diffondono dalle dita (mentre si digita un messaggio) per poi arrivare al viso (mentre si parla al telefono) e viceversa. Inoltre, il calore prodotto dal cellulare può favorire la proliferazione dei batteri. Per evitare che i germi facciano del viso un luogo fertile, è bene pulire la superficie del telefono con un po’ di disinfettante per mani ogni giorno.

Acne cosmetica e prodotti per la cura dei capelli

L’acne cosmetica (pomade acne) è una condizione comune caratterizzata da eruzioni cutanee causate da prodotti per la cura dei capelli, compresi balsamo, shampoo, gel e lacca. Questa forma di acne si verifica quando gli oli di tali prodotti penetrano nella pelle (di solito nella zona intorno all’attaccatura dei capelli) intrappolando nei pori i batteri che causano l’acne. Per contrastare tale condizione, è consigliabile applicare i prodotti per capelli prima di lavarsi il viso. Così facendo, ogni residuo che può comportare la comparsa di brufoli viene eliminato mediante detersione.


Condividi con: