Sindrome da rientro: come ripartire senza stress


Con la fine delle vacanze, si avvicina l’ora di rientrare in ufficio o a scuola. Un momento che molti italiani trovano stressante e che potrebbe persino rovinare gli ultimi giorni di libertà. Ma che cos’è la “sindrome da rientro” e come si può contrastare?

Link sponsorizzati

I sintomi

Al rientro delle vacanze e con la ripresa dell’attività lavorativa e scolastica, è possibile andare incontro a sensazioni di forte stress causate dal repentino cambiamento di abitudini.

Insonnia, aggressività, stati d’ansia e di tristezza e un senso di malessere generalizzato sono alcuni dei sintomi più diffusi.

Ben 1 italiano su 10, secondo l’Istat, soffre della “sindrome da rientro” che, nei casi più gravi, può sfociare in vera e propria depressione.

Come contrastare la “sindrome da rientro”

E’ bene precisare che è più che normale provare un senso di tristezza e di malinconia per le vacanze appena finite. Nel giro di breve tempo riprenderete la vita e i ritmi di tutti i giorni senza particolari problemi.

E’ anche vero, però, che potete agevolare e rendere meno difficile il rientro in città. Ma in che modo? Anzitutto, cercate di tornare a casa con qualche giorno di anticipo rispetto alla ripresa del lavoro o della scuola. In questo modo potrete evitare di svegliarvi subito presto ma potrete godere di qualche altro momento di libertà e riadattarvi alla vita cittadina con più facilità.

Una volta ripreso il lavoro, non fatevi sovrastare dagli impegni ma tentate di riprendere l’attività con calma, ponendovi piccoli obiettivi facili da raggiungere. Non abbandonate, poi, le buone abitudini prese in vacanza. Cercate, anche in città, di passare del tempo all’aria aperta facendo sport o delle semplici camminate.

Se, inoltre, durante le ferie vi siete dedicati a un hobby, cercate di coltivarlo anche a casa. Evitate, infine, di concentrarvi esclusivamente sulle vacanze appena finite riguardando le foto in continuazione. Cercate, piuttosto, di catalizzare la vostra attenzione su pensieri positivi.

sindrome da rientro

L’alimentazione

In vacanza ci si lascia sempre un po’ andare quando si tratta di cibo. Pranzi e cene fuori, pasti irregolari e magari non particolarmente sani. Al rientro in città è consigliabile riequilibrare il metabolismo. E’ fondamentale depurare l’organismo con piatti sani a base di verdura, bere molta acqua e consumare molta frutta che, contenendo zuccheri semplici, aumenta la produzione di serotonina, il neuromediatore del benessere che stimola il rilassamento.

Gli esperti suggeriscono in particolar modo il consumo di pesche, mele, melone e pere, ma anche zucchine, pomodori e insalate, tutti alimenti ricchi di proprietà benefiche in grado di agevolare il ritorno ai ritmi di vita quotidiani. Dedicate, inoltre, qualche momento della giornata a bere tisane che, grazie alle loro proprietà, possono essere di aiuto per ritrovare il benessere psicofisico. Vi suggeriamo camomilla e timo per l’insonnia oppure tarassaco, carciofo, anice e finoccio per depurare.

La cura di sé stessi

Dopo le vacanze è importante riuscire a dedicare un po’ di tempo a sé stessi. Piccoli momenti che aiutano a combattere lo stress e a sentirsi meglio. Cercate, ad esempio, di mantenere l’abbronzatura tanto desiderata. Ricordate di bere molta acqua per mantenere la pelle idratata, preferite la doccia al bagno e applicate quotidianamente una crema idratante. Per la pelle del viso, che tende a sbiancarsi prima, scegliete una crema che sia anche auto-abbronzante. Se possibile, evitate la ceretta sia a caldo che a freddo poiché solleva la parte cutanea più esterna. Meglio optare per un epilatore elettrico. Coccolate anche i vostri capelli stressati dal sole applicando spesso maschere idratanti e nutrienti. Pettinateli con delicatezza per evitare di strappare i capelli più fragili.

Non dimenticatevi della mente. Aiutatela a recuperare i ritmi di tutti i giorni magari assumendo fiori di Bach, che non hanno nessun tipo di controindicazione, e favoriscono il riequilibrio dello stato emotivo. Ottimi rimedi preventivi sono anche le discipline della terapia naturale come lo yoga, lo shiatsu o i massaggi ayurvedici. Infine, non rinunciate a un bagno rilassante ricco di essenze benefiche per la mente ed emollienti per il corpo.


Condividi con: