Probiotici: l’importanza dei batteri “amici”


I probiotici sono microrganismi, come batteri o lieviti, che contribuiscono a migliorare la salute. Si possono trovare sotto forma di integratori oppure direttamente negli alimenti. L’idea di assumere batteri vivi o lieviti può sembrare alquanto strana, ma dopo tutto assumiamo antibiotici ed utilizziamo sostanze antibatteriche per combattere i batteri “nemici”. Inoltre, nel corpo umano è presente una elevata quantità di tali organismi.

Link sponsorizzati

Per esempio, l’apparato digerente ospita più di 500 diverse specie batteriche. Esse contribuiscono a mantenere i rivestimenti intestinali sani e a scindere il cibo ingerito. Si ritiene, inoltre, che questi organismi benefici siano di aiuto nel regolare una sana risposta immunitaria.

Qual’è la funzione dei probiotici?

I ricercatori ritengono che alcuni disturbi digestivi siano il risultato dello squilibrio dei batteri “amici” che si trovano nell’intestino. Questo può accadere a seguito di una infezione o dell’assunzione di antibiotici. L’insorgere di problemi intestinali può essere anche causato dal danneggiamento del rivestimento intestinale. Introdurre, quindi, nuovi organismi benefici sotto forma di probiotici può essere di grande aiuto.

I probiotici contribuiscono a migliorare il funzionamento intestinale e a preservare l’integrità della mucosa che riveste l’intestino. Questi organismi “amici” possono anche essere di aiuto nel contrastare gli organismi che causano diarrea.

I probiotici e il sistema immunitario

Esistono prove certe che attestano la capacità dei probiotici di contribuire al mantenimento di un sistema immunitario forte. Nelle società ove il livello di igiene è elevato, si è assistito ad un notevole incremento delle malattie autoimmuni e delle allergie. Questo può essere dovuto al fatto che il sistema immunitario non viene adeguatamente messo alla prova da organismi patogeni. Introducendo batteri “amici” sotto forma di probiotici è possibile mettere alla prova il sistema immunitario in modo salutare.

probiotici

I probiotici possono essere di aiuto nel contrastare un’ampia serie di disturbi

Anche se le prove non sono ancora definitive, i ricercatori affermano che esistono dati sufficienti in grado di comprovare l’efficacia dei probiotici in caso di diverse malattie specifiche. Nel 2008, un gruppo di esperti della Yale University ha esaminato le ultime scoperte al riguardo ed ha concluso che i probiotici sono più efficaci in caso di:

  • diarrea infantile acuta
  • prevenzione della diarrea associata all’assunzione di antibiotici
  • prevenzione della pouchite (una infiammazione intestinale che può insorgere a seguito di un intervento chirurgico intestinale)
  • regolazione del sistema immunitario
  • trattamento e prevenzione dell’eczema associato all’allergia al latte vaccino

L’intero gruppo di esperti della Yale University ha inoltre concluso che i probiotici possono essere utili in altri modi, anche se le prove raccolte finora al riguardo sono meno convincenti. Questi includono:

  • prevenire la diarrea infantile
  • trattamento della diarrea causata dal batterio Clostridium difficile, che può infettare il colon

I probiotici possono essere utili anche in modi inaspettati. Uno studio pubblicato nel 2010 afferma che i probiotici sono in grado di ridurre il rischio di problemi tipicamente infantili, come infezioni alle orecchie, mal di gola, raffreddore e malattie diarroiche. Lo studio ha preso in esame 638 bambini dai 3 ai 6 anni in asili/scuole. I bambini che hanno assunto una bevanda allo yogurt contenente un probiotico, hanno presentato il 19% di probabilità in meno di essere colpiti da un’infezione.

Avvertenze per l’utilizzo dei probiotici

Di norma, l’assunzione dei probiotici è sicura e comporta pochi effetti collaterali. Il consumo di alimenti contenenti colture vive come yogurt, formaggi e altri cibi è praticato da secoli in diverse culture del mondo.

Tuttavia, l’assunzione di integratori di probiotici può essere pericolosa per le persone con sistema immunitario indebolito o che soffrono di malattie gravi. Uno studio ha scoperto che i pazienti con pancreatite grave, ai quali erano stati somministrati probiotici, presentavano un rischio maggiore di decesso. Sono comunque necessari ulteriori studi riguardo l’uso dei probiotici nei bambini piccoli e negli anziani.

Qual’è la fonte migliore di probiotici: integratori o alimenti?

I probiotici sono disponibili in molte forme: polveri, compresse, capsule e alimenti come yogurt e bevande a base di latte e derivati. Gli esperti affermano che non è importante la forma con la quale vengono assunti, a patto che essa contenga una quantità sufficiente di organismi vivi che possa iniziare a proliferare nell’intestino. Gli esperti asseriscono inoltre che la dose efficace può variare da un minimo di 50 milioni ad un massimo di 1 trilione di cellule vive per dose.

Alcuni organismi probiotici specifici sembrano essere utili in caso di patologie particolari. E’ stato dimostrato, infatti, che il batterio Lactobacillus GC e il lievito Saccharomyces boulardii sono utili in caso di diarrea infettiva infantile. Ma non esiste prova certa che il Lactobacillus acidophilus, utilizzato in molte marche di yogurt, possa portare benefici in caso di diarrea.

Consigli su come scegliere un integratore di probiotici

Il miglior consiglio è quello di scegliere prodotti di aziende note ed affidabili che siano stati testati scientificamente. Gli integratori sicuri devono riportare il nome specifico degli organismi presenti nel probiotico e la quantità di organismi presente in una singola dose. Molti integratori forniscono anche informazioni circa gli studi scientifici utilizzati per le loro raccomandazioni.

Fonti

  • Williams N., American Journal of Health System Pharmacy, marzo 2010, vol. 67, pagine 449-458
  • Guarner F., Digestive Diseases, vol. 27, pagine 411-416
  • Floch M., Journal of Clinical Gastroenterology, luglio 2008, vol. 42, pagine S104-S108
  • Merenstein D., European Journal of Clinical Nutrition, maggio 2010
  • Besselink M., Lancet, vol. 371, pagine 651-659, 2008
  • Sanders M., Functional Food Reviews, 2009, vol. 1, pagine 3-12

Condividi con: