Perché le “diete del momento” hanno successo?


Ogni settimana, specie durante il periodo antecedente l’estate, le riviste propongono nuove diete che promettono puntualmente di far perdere i chili in eccesso in breve tempo. Alcune diventano popolari, altre invece finiscono nel dimenticatoio dopo un breve periodo.

Link sponsorizzati

I dietologi, nel frattempo, suggeriscono il medesimo consiglio salutare da anni: per perdere peso è necessario mangiare di meno e praticare più attività fisica.

Parliamoci chiaro, siamo perfettamente consapevoli del fatto che le “diete del momento” non rappresentano la soluzione ottimale per rimediare ai chili in più, eppure ogni volta cadiamo nella tentazione di provarle. Ma perché?

Gli esperti sostengono che la maggior parte delle persone è scoraggiata a priori dal fatto che il cambiamento promosso dai dietologi coinvolge le abitudini alimentari e lo stile di vita che dovrebbero poi essere seguiti per sempre.

Le “diete del momento”, invece, sono spesso programmi alimentari che hanno una durata di poche settimane. Ma gli esperti di nutrizione rimarcano che il giusto approccio per perdere peso è quello di cambiare lo stile di vita in modo permanente.

Le persone necessitano di percepire che i benefici legati al cambiamento messo in atto superino i “costi” sopportati. Per molte persone che decidono di mettersi a dieta, il costo psicologico che comporta la rinuncia allo stile di vita “da ingrasso” sembra essere troppo grande. Quindi, preferiscono optare per una soluzione più rapida.

Molti tendono anche ad identificarsi con gli autori di queste diete. Per esempio, non riflettono se il programma di dimagrimento sponsorizzato da una celebrità possa essere salutare o sensato. Apprezzano l’estetica del personaggio famoso in questione e desiderano diventare fisicamente simili.

Le “diete del momento” fanno leva più sulla vanità delle persone piuttosto che sul loro desiderio di essere in salute e stare bene.

Sembra che le persone siano più motivate quando si tratta di cambiare il loro aspetto esteriore piuttosto che lo stato di salute. Questo rappresenta uno dei problemi esposti dai nutrizionisti, poiché le figure professionali focalizzano la loro attenzione sulle conseguenze a lungo termine per quanto concerne la salute e non sull’aspetto estetico finale del paziente. Certo, il paziente ha il sacrosanto diritto di sentirsi a proprio agio col proprio corpo ma dovrebbe concentrarsi un po’ di più sulla salute.

La prova costume o un incontro importante possono sembrare motivazioni più che convincenti e concrete per perdere peso. E puntualmente le “diete del momento” sono sempre dietro l’angolo, pronte ad offrire soluzioni in apparenza semplici.

diete del momento

Le “diete del momento” non sono una novità

Sebbene molte di queste diete pretendano di essere all’avanguardia e innovative, in realtà non sono altro che idee riciclate e riviste. In alcuni casi, si tratta di idee di più di un secolo fa.

Quando un autore proclama di proporre una soluzione definitiva o una nuova risposta al problema dei chili in eccesso, la maggior parte delle volte non è vero, poiché difficilmente esiste una dieta che non sia già stata formulata e scritta in precedenza.

Per esempio:

  • la dieta ricca di proteine e a basso contenuto di carboidrati è stata descritta per la prima volta nel lontano 1863 da William Banting, il quale trasse spunto dai consigli ricevuti da un amico medico di nazionalità inglese.
  • la teoria che le proteine e i carboidrati non dovrebbero essere consumati nello stesso pasto del dottor William Howard Hay di New York, era popolare negli anni ’20 e ’30 ed è tuttora in voga in molti libri che propongono diete.
  • Chi promuove una dieta “naturale” è in ritardo di 170 anni per rivendicarne l’originalità. Il reverendo Sylvester Graham ha iniziato a promuovere l’importanza dei cibi naturali ai fedeli americani nel 1830.

Non importa quanto inverosimili possano essere, fatto sta che le idee, talvolta bizzarre, proposte dalle “diete del momento” continuano ad attirare “proseliti”.

Le persone sono molto incuriosite da queste idee che sembrano demistificare il tutto e preferiscono credere che le soluzioni proposte siano la mossa vincente. Molto spesso il pensiero comune è: “Non può essere che la soluzione sia così semplice come mangiare di meno e fare più movimento”.

La confusione che si è venuta a creare sulla nutrizione, è la ragione primaria per cui queste diete esistono e proliferano. Se tutti sapessero come mangiare correttamente, non sarebbe necessario sfornare libri sull’alimentazione.

Molte persone che si mettono a dieta sentono di non avere la situazione sotto controllo e non sanno cosa fare. Alcune “diete del momento” sono molto irregimentate e questo fa sentire le persone più a loro agio poiché non devono pensare ad altro che a seguire un programma già strutturato.

Perdere peso velocemente non è salutare

La promessa di una rapida perdita di peso è una caratteristica che accomuna la maggior parte delle “diete del momento”. Ma i dietologi affermano che lo scopo dovrebbe essere quello di perdere non più di 1 chilo a settimana.

Le diete che promuovono una perdita di peso superiore al mezzo chilo o ad 1 chilo alla settimana, non fanno altro che promuovere la perdita di fluidi. E’ pressoché impossibile, a meno che non pesiate 200 chili, perdere più di 1 chilo di adipe alla settimana.

Le diete che vietano o limitano drasticamente il consumo di carboidrati tengono fede alla loro promessa di una rapida perdita di peso iniziale, ma solo perché la riduzione dei carboidrati provoca l’eliminazione dell’acqua immagazzinata dall’organismo. Ma non appena reinizierete a consumare carboidrati, il peso aumenterà nuovamente a causa dei liquidi introdotti.

E’ necessario perdere grasso, non fluidi. Inoltre, è da evitare la perdita della massa muscolare, che l’organismo inizia a metabolizzare nel momento in cui non si mangia a sufficienza.

Attenersi ad un regime alimentare eccessivamente ipocalorico non farà altro che rallentare il metabolismo e favorire la perdita di massa muscolare.

Una soluzione a breve termine

Se siete così curiosi e smaniosi di provare una delle tante “diete del momento”, fatelo, ma solo per un breve periodo, giusto il tempo necessario per intraprendere lo step iniziale verso il dimagrimento per poi proseguire verso un percorso che vi farà apprendere lo stile di vita salutare che è bene seguire.

Ricordate, però, che ripetere questa prassi più volte può comportare l’effetto inverso, ovvero l’aumento di peso. Se una persona si mette a dieta di continuo, provando svariate “diete del momento”, sarà poi più difficile sviluppare un tipo di programma alimentare salutare necessario per perdere peso.

In un’ottica a lungo termine, mantenere il peso forma è molto più importante che dimagrire velocemente.

Il modo migliore per “disintossicarsi” dalle “diete del momento” è quello di riuscire a perdere peso in modo tradizionale. A questo scopo, elenchiamo qui di seguito alcuni consigli testati da figure professionali che possono aiutarvi a sviluppare abitudini salutari:

  • annotate ciò che mangiate. Se sentite il bisogno di strutturare meglio il programma che vi aiuterà a perdere peso, annotate ciò che mangiate per alcune settimane. Questo vi aiuterà ad identificare le cattive abitudini e a darvi un’idea generale di quante calorie sono presenti nei vari alimenti.
  • fate movimento. Fate qualcosa che vi piace, ma fatela regolarmente e per più di 20 minuti. Se l’attività che scegliete vi piace, sarete più spronati e invogliati a praticarla regolarmente. Non è necessario essere un atleta per essere attivi. Iniziate con delle camminate di 10 minuti per poi aumentare il livello di attività.
  • ogni settimana fissate due piccoli obiettivi. Per esempio, se amate le ciambelle impegnatevi a non mangiarle per una settimana. Provate invece a mangiare una porzione extra di un alimento salutare, come frutta o verdura. Se riuscite a raggiungere questo piccolo traguardo, vi sentirete bene con voi stessi e sarete già sulla via che vi porterà ad adottare altre abitudini salutari.
  • provate cose nuove. Mangiate cibi salutari che vi piacciono e sperimentate anche nuovi gusti per evitare la noia e la voglia di cibo spazzatura. Molto probabilmente non avete provato tutti i tipi di frutta o di verdura disponibili al supermercato. Questo è il momento giusto per farlo.
  • concedetevi qualche peccato di gola. Di tanto in tanto concedetevi il vostro peccato di gola ipercalorico preferito. Non è necessario privarsi di queste piccole soddisfazioni, basta solo un po’ di buon senso e di moderazione.

Condividi con: