Intossicazione alimentare: come prevenirla


Se avete sofferto di intossicazione alimentare, saprete sicuramente quanto essa possa essere spiacevole, anche per un individuo in forma e in salute. A volte l’intossicazione alimentare, inoltre, può causare malattie gravi e, nei casi più seri, può condurre anche alla morte.

Link sponsorizzati

La maggior parte delle persone dà per scontato che l’intossicazione alimentare si verifichi solamente mangiando i cibi di ristoranti, bar e venditori ambulanti, ma esiste una percentuale di rischio anche nei cibi preparati tra le mura domestiche.

Le persone non gradiscono ammettere che i germi causa di un’intossicazione alimentare possono essere originari proprio della loro abitazione. Come detto precedentemente, è un luogo piuttosto comune ritenere che la causa sia esterna.

Per ridurre i rischi di intossicazione alimentare domestica provate a seguire i semplici consigli qui di seguito.

uomo che soffre di intossicazione alimentare.jpg

  • Prima di maneggiare il cibo, dopo aver maneggiato carne cruda, dopo essere stati in bagno, dopo essersi soffiati il naso o aver toccato animali (inclusi gli animali domestici), lavate le mani accuratamente con un apposito detergente e acqua calda, e asciugatele.
  • Pulite il piano di lavoro della cucina prima di cucinare e dopo aver cucinato, specialmente dopo che esso sia entrato in contatto con carne cruda (incluso pollame o uova crude). Non è necessario utilizzare spray anti-batterici. Sono sufficienti acqua calda e detergente.
  • Lavate i teli da cucina regolarmente e lasciateli asciugare prima di riutilizzarli di nuovo. I tessuti sporchi e umidi sono un perfetto terreno fertile per la proliferazione dei batteri.
  • Usate un tagliere a parte per la carne cruda. La carne cruda, infatti, contiene batteri dannosi che possono diffondersi facilmente su qualsiasi cosa che entri in contatto con essa, inclusi altri alimenti, piani di lavoro, taglieri e coltelli.
  • E’ particolarmente importante tenere lontana la carne cruda da cibi pronti da consumare, come insalata, frutta e pane. Questo perché questi alimenti non vengono cotti prima di essere consumati, quindi qualsiasi batterio che entri in contatto con questi cibi non verrà eliminato.
  • Coprite sempre la carne cruda e riponetela nella parte inferiore del frigorifero, dove non può entrare in contatto con altri cibi o non può gocciolare su di essi.
  • Cuocete il cibo accuratamente e controllate che sia sempre caldo. Assicuratevi che pollame, carne di maiale, hamburger e salsicce siano completamente cotti e che al loro interno non siano presenti punti dove la carne sia di colore rosa.
  • Mantenete la temperatura del vostro frigorifero tra gli 0°C e i 5°C. Conservando il cibo a questa temperatura, impedirete ai batteri di formarsi.
  • Se cucinate del cibo che non sarà consumato nell’immediato, fatelo raffreddare il prima possibile (entro 90 minuti) e riponetelo nel frigorifero o nel freezer. Utilizzate gli avanzi che avete riposto nel frigorifero entro due giorni.
  • Non mangiate alimenti scaduti. Le date di scadenza si basano su test scientifici atti a dimostrare la velocità con la quale i germi dannosi riescono a svilupparsi nel cibo confezionato.

Condividi con: