Ansia da esame: come superarla e vincerla


Affrontare gli esami è un compito impegnativo, ma farsi prendere dal panico è controproducente. Esistono modi per vincere l’ansia da esame e lo stress che essa comporta, che vi permettono di conseguire il miglior risultato possibile.

Link sponsorizzati

Un programma di studio ben strutturato e un altrettanto ben organizzato programma di ripasso, possono trasformare un carico di lavoro a prima vista insostenibile in facilmente gestibile. Inoltre, sapere di avere tutto sotto controllo grazie ad un’attenta pianificazione di ciò che dovete fare, è di notevole aiuto per gestire l’ansia.

Ripasso: la chiave vincente per il successo di un esame

Può sembrare ovvio e banale, ma ripassare i contenuti è realmente la chiave vincente per superare con successo un esame. Essere preparati è il modo più efficace in assoluto per vincere stress e ansia, oltre a permettervi di conseguire il miglior risultato possibile.

Prima di iniziare a ripassare i contenuti, la mole di lavoro che dovete affrontare potrebbe sembrarvi ingestibile. Alcuni programmi di studio richiedono infatti concentrazione ed impegno su più argomenti contemporaneamente ed è facile sentirsi scoraggiati.

Potete gestire tranquillamente la situazione stilando un programma di ripasso al quale attenervi, strutturato secondo le vostre esigenze. Anzitutto verificate quanto lavoro dovete fare e quanto tempo avete a disposizione per portarlo a termine, quindi suddividetelo in piccoli step. Decidete quante ore al giorno potete dedicare al programma di ripasso e rispettate le tempistiche che vi siete imposti. Per evitare di annoiarvi, fate in modo che i contenuti che andrete a ripassare siano di natura diversa.

E’ inoltre importante che riusciate a trovare uno stile di ripasso che meglio si adatti a voi. Per esempio, studiare da soli in una stanza silenziosa può essere congeniale per alcuni, ma per altri non potrebbe essere lo stesso. Provate a mettere della musica a basso volume come sottofondo oppure ripassate con un amico (ma non lasciate che questo possa trasformarsi in un espediente per distrarvi).

Potete personalizzare i vostri appunti utilizzando colori diversi, grafici o qualsiasi altro mezzo che possa aiutarvi ad apprendere meglio l’argomento.

Se vi ritrovate a ripassare un argomento che non riuscite a comprendere a fondo, provate a cercare una nuova fonte di informazione che possa aiutarvi a chiarire i dubbi, piuttosto che optare per una semplice memorizzazione del contenuto. Memorizzare senza interiorizzare e comprendere non vi sarà di aiuto per superare l’esame. Non abbiate timore nel chiedere eventuali delucidazioni al vostro insegnante o ad un amico se sapete che può esservi di aiuto.

studentessa che crolla sui libri dopo ore di studio.jpg

Riposo e rilassamento

Il ripasso è una parte fondamentale per il successo di un esame, ma è altresì importante non strafare. Studiare ore e ore senza una pausa vi renderà stanchi, deconcentrati e più ansiosi.

Lo stress è una reazione naturale dell’organismo che ci aiuta ad affrontare e superare le situazioni difficili. A piccole dosi lo stress è benefico, poiché ci esorta a fare del nostro meglio per superare gli ostacoli e le difficoltà che si presentano sul nostro cammino.

Tuttavia, il troppo stress può essere fonte di problemi quali mal di testa, inappetenza e cattivo umore. Evitate, quindi, di stressarvi oltremodo concedendovi brevi pause ma frequenti. Una pausa ogni 45-60 minuti è l’ideale.

Durante queste pause fate qualcosa di rilassante, come uscire per fare una passeggiata per esempio. Distogliere la mente da ciò che state facendo, vi aiuterà a riprendere il lavoro con maggior freschezza e lucidità. Può essere di aiuto anche premiare voi stessi dopo aver completato ogni sessione di ripasso. Per esempio, facendo un lungo bagno caldo o guardando un dvd.

Quando non state ripassando, utilizzate il tempo a disposizione per distogliervi dai libri e provate a praticare un po’ di attività fisica. L’esercizio fisico è un ottimo rimedio contro ansia e stress, aiuta la positività e favorisce un buon sonno ristoratore.

Se, nonostante questo, continuate a sentirvi stressati, è importante che parliate di questo problema a una persona di fiducia (un membro della famiglia, un amico, un insegnante, ecc.). Molte persone trovano difficoltosa la gestione di un esame, quindi non siate imbarazzati nel chiedere aiuto.

Il giorno dell’esame

E’ del tutto naturale essere nervosi il giorno dell’esame, ma non lasciate che questa tensione abbia il sopravvento. Iniziate la giornata con una buona colazione e prendetevi tutto il tempo necessario per recarvi presso la sede d’esame. Ricordatevi di portare con voi tutto il necessario: matite, penne, calcolatrice, dizionari, ecc. Anche un bottiglia d’acqua e alcuni fazzoletti di carta possono tornarvi utili.

Una volta che l’esame ha avuto inizio, prendetevi alcuni minuti per leggere con attenzione ciò che dovete fare. In questo modo, saprete esattamente ciò che ci si aspetta da voi. Se qualcosa non vi è chiaro, chiedete a chi di dovere. Non abbiate timore nel farlo, i supervisori sono lì per aiutarvi.

Nel caso di un questionario, programmate quanto tempo avete bisogno per rispondere ad ogni domanda. Se siete bloccati ad una domanda, non andate in panico, ma provate a lasciarvi il tempo sufficiente per tornare su di essa in un secondo momento.

Quando avete terminato l’esame, non ripensate continuamente a quello che avete scritto e soprattutto non preoccupatevi in continuazione dell’esito. Resistete alla tentazione di confrontare le vostre risposte con quelle dei vostri amici. Se avete altri esami in vista, focalizzatevi su di essi invece di ripensare a quello appena fatto.


Condividi con: