Rinite allergica e raffreddore da fieno: come alleviare i sintomi


Il 20% circa della popolazione italiana soffre di rinite allergica, conosciuta anche come raffreddore da fieno o raffreddore allergico.

Link sponsorizzati

Qui di seguito vi proporremo alcuni consigli su come evitare le cause e ridurre i sintomi di questa patologia.

I principali fattori scatenanti sono i pollini di piante ed erba. La quantità di polline è maggiore quando le giornate sono assolate e il cielo è sereno.

Non falciate il prato

Se l’erba vi fa starnutire, lasciate che sia qualcun’altro a falciare il vostro prato. Può sembrare una cosa ovvia, ma molte persone non ci pensano. Se l’erba vi provoca una reazione allergica, stare a stretto contatto con essa non farà altro che favorire la comparsa dei sintomi.

Create una barriera

Applicate della vaselina all’interno delle narici. Essa fungerà da filtro anti-polline.

Attenzione agli orari 

Non sedetevi all’aperto tra le 4 e le 7 del pomeriggio o di prima mattina. In questi orari la quantità di polline è maggiore. Se uscite o se dovete stendere la biancheria all’aperto, fatelo dopo le 10.30 di mattina o prima delle 3 di pomeriggio.

Chiudete le finestre

Non dormite con le finestre aperte e non guidate con i finestrini abbassati. Questo favorirebbe l’entrata dei pollini.

Spolverate regolarmente

Spolverate utilizzando un panno umido piuttosto che un panno asciutto. Questo vi permetterà di intrappolare la polvere e di impedire la diffusione dei pollini nell’ambiente circostante.

rinite allergica

Lavatevi i capelli

Il polline attecchisce con molta facilità e potrebbe depositarsi sui vostri capelli. Rischiereste quindi di trasferirlo sul cuscino quando andate a dormire compromettendo la qualità del vostro sonno a causa dei sintomi che non tarderebbero a fare la loro comparsa. Se di sera siete stati all’aperto, lavatevi i capelli prima di andare a letto. Questo vi aiuterà a dormire meglio.

Utilizzate l’aspirapolvere

Il polline, una volta depositatosi sul tappeto o sulla moquette, può sopravvivere fino a tre mesi. Quindi, passate spesso l’aspirapolvere per pulire questo tipo di superfici.

Medicinali

Riferite al vostro medico i farmaci che state assumendo per contrastare la rinite allergica. Potrebbe essere necessario optare per un nuovo tipo di trattamento.

Per alcuni individui, infatti, lo stesso tipo di antistaminico potrebbe non avere la medesima efficacia nel corso degli anni. Provate qualcosa di diverso, come uno spray nasale o un nuovo antistaminico.

Potete anche giocare d’anticipo tentando di prevenire i sintomi della rinite allergica prima che compaiano. La maggior parte delle persone inizia il trattamento quando i sintomi hanno già fatto la loro comparsa, quando invece sarebbe più opportuno iniziare a contrastare questa patologia infiammatoria almeno due settimane prima. In questo modo, l’antistaminico sarà già presente nel vostro organismo nel momento in cui i pollini entreranno in azione.

Ripensate agli anni precedenti ed individuate il periodo dell’anno durante il quale la rinite allergica solitamente ha fatto la sua comparsa e provate ad individuare le cause scatenanti. Per esempio, se sapete che la causa principale della vostra rinite allergica è il polline presente nell’aria da maggio fino a luglio o agosto, potreste iniziare ad assumere l’antistaminico in aprile.

In ogni caso, per maggiori informazioni rivolgetevi sempre al vostro medico.

Non sottovalutate la rinite allergica

La rinite allergica può creare disagi e rendere stressante la vita di tutti i giorni proprio a causa dei sintomi che essa comporta: starnuti, lacrimazione degli occhi, gocciolamento del naso e gola irritata. Tuttavia, esistono trattamenti in grado di alleviare i sintomi.

La rinite allergica, inoltre, aumenta il rischio di asma. Esiste infatti un forte legame tra rinite allergica e asma. Se soffrite di rinite allergica, le probabilità di essere colpiti dall’asma sono maggiori. E’ quindi importante non sottovalutare questa patologia e fare il possibile per trattare i sintomi in modo adeguato.


Condividi con: