Pelle secca: cause e rimedi


Una pelle secca può procurare una sensazione di disagio. La pelle è tesa, ruvida, arrossata e in alcuni casi anche squamosa. Senza contare quella fastidiosa sensazione di prurito che arriva persino a tenervi svegli di notte.

Link sponsorizzati

La pelle secca è abbastanza comune. Negli Stati Uniti, per esempio, quasi 100 milioni di persone presentano questo problema. Una pelle secca, tuttavia, può essere ben più che un problema superficiale.

Una pelle sana e intatta costituisce la difesa primaria contro le infezioni. Se lasciate che la vostra pelle diventi secca, darete modo ai batteri di entrare e proliferare. Questo potrebbe comportare la comparsa di problemi più seri.

Esistono parecchi buoni motivi per risolvere questo problema: il vostro aspetto, la vostra salute e il vostro benessere. E’ bene, anzitutto, identificare le cause del problema per poterlo risolvere nel migliore dei modi.

Per molte persone, la pelle secca non è segno di malattie cutanee o condizioni particolari della pelle, ma può essere semplicemente la conseguenza dell’utilizzo di detergenti aggressivi o di indumenti che provocano prurito, del cattivo uso delle creme idratanti e di lunghe docce calde. Ma alcuni farmaci, e anche alcune condizioni specifiche come diabete, psoriasi, ipotiroidismo e malnutrizione, possono causare problemi di pelle secca anche gravi.

Pelle secca: conosciamola meglio

Iniziamo con alcune nozioni base sulla pelle. Una pelle normale e sana è rivestita da uno strato sottile di lipidi naturali o di sostanze grasse. Questi elementi mantengono la pelle idratata, morbida ed elastica.

Che cosa rende, quindi, la pelle secca (conosciuta in gergo medico col termine di xerosi)? Solitamente qualcosa presente nell’ambiente o qualcosa che voi stessi fate alla vostra pelle, rimuove queste sostanze grasse lasciando la pelle senza protezione e, quindi, vulnerabile. Meno di frequente, la causa è interna: una condizione di salute particolare o una predisposizione genetica possono rendere la pelle secca.

Sebbene le chiazze di pelle secca possano comparire ovunque, è più facile che appaiano su braccia, mani, gambe e addome. Spesso la pelle secca viene percepita come un fenomeno più grave di quello che è in realtà, ma in alcune persone può essere piuttosto evidente e imbarazzante.

Se non curata, la pelle secca può talvolta dare origine a dermatiti (infiammazioni della pelle) e infezioni. La buona notizia è che la maggior parte delle cause scatenanti è di natura esterna, così come la maggior parte delle cure. Grazie ad un’attenta cura della pelle secca, è possibile infatti risolvere il problema.

Pelle secca e cattivo uso della crema idratante

Se il vostro problema è la pelle secca, avrete sicuramente avuto modo di provare una crema idratante e se non una, decine. Ma sebbene le creme idratanti siano fondamentali per la cura della pelle secca, gli esperti affermano che spesso vengono utilizzate impropriamente.

L’errore più grande è quello di applicare la crema idratante direttamente sulla pelle secca. Così facendo non ne trarrete alcun beneficio. E’ bene, invece, applicare la crema idratante quando la pelle è ancora umida. In questo modo, la crema “intrappolerà” l’umidità presente sulla pelle. La pelle non deve essere bagnata, ma umida. Quindi, tamponatela con un asciugamano asciutto e applicate la crema idratante. Lasciatela in posa per alcuni minuti e rimuovete, sempre tamponando delicatamente con un asciugamano, la quantità in eccesso.

Altro fattore da non sottovalutare è la scelta del giusto tipo di crema idratante. Gli esperti, in questi casi, raccomandano creme prive di profumi o alcool. Spesso i prodotti reperibili a modici prezzi presso i supermercati sono migliori di quelli più costosi che trovate in profumeria. La crema idratante, inoltre, deve avere una consistenza corposa e deve essere oleosa per favorire l'”intrappolamento” dell’umidità necessaria per una buona cura della pelle secca.

Per sapere se la crema idratante che utilizzate o che volete acquistare è adatta, provate a fare questo test: mettete un po’ di crema sul palmo della mano e agitatela. Se la crema gocciola non è sufficientemente corposa per una pelle secca.

rimedi pelle secca

Pelle secca e aria secca

L’aria secca è probabilmente una delle cause più comuni di pelle secca, in particolar modo durante l’inverno. Essa, infatti, rimuove l’umidità della pelle.

Sebbene il freddo o un inverno rigido favoriscano la comparsa di pelle secca, un altro grande problema durante la stagione invernale risiede proprio all’interno della vostra casa, ovvero il riscaldamento. D’estate, l’aria condizionata può avere un effetto simile. Per contrastare l’aria secca dovuta al riscaldamento, iniziate con la crema idratante. Anche abbassare leggermente il termostato può essere di aiuto.

Inoltre, provate ad utilizzare un umidificatore nella vostra camera da letto e quando uscite copritevi con cappello, sciarpa e guanti. In inverno, ricordate anche di indossare calze lunghe. L’aria fredda può, infatti, passare sotto i pantaloni e seccare la pelle delle gambe. Questa è una cosa che viene spesso sottovalutata.

Pelle secca e bagni o docce caldi

Una lunga esposizione all’acqua, specie se calda, può rimuovere le sostanze naturali che proteggono la pelle. Se quando uscite dalla doccia o dalla vasca da bagno sentite la pelle tesa, significa che è secca.

Quindi cosa fare? Prima di tutto, preferite la doccia al bagno. Ma non è tutto. Se siete soliti svegliarvi di mattina con una lunga e languida doccia, sappiate che i dermatologi consigliano di limitare il tempo sotto la doccia a pochi minuti evitando l’acqua calda.

L’acqua non deve essere fredda, ma tiepida piuttosto che calda. Inoltre, mentre vi radete o vi insaponate, spostate il soffione della doccia. E’ un altro modo per ridurre il tempo di esposizione della vostra pelle all’acqua.

Infine, tamponate il corpo con un asciugamano asciutto invece di sfregare con forza, e applicate subito dopo la crema idratante.

Pelle secca e sapone

Uno dei più grandi problemi delle persone con pelle secca è il sapone. Il sapone può rimuovere velocemente le sostanze protettive della pelle e di solito si tende ad utilizzarne una quantità eccessiva.

L’individuo medio che va a scuola o lavora non ha modo di sporcarsi molto durante la giornata. Tuttavia, molte persone, quando fanno la doccia, tendono a sfregare la loro pelle come se stessero pulendo un paio di scarpe. A meno che non siate un bambino o una persona che svolge un lavoro che porta a sporcarsi, le uniche zone del corpo che necessitano dell’utilizzo di sapone o di un detergente sono: viso, mani, piedi, inguine e ascelle. Il resto del corpo può essere solitamente sciacquato con l’acqua.

Sebbene i medici e le mamme vi abbiano sempre detto di lavare le mani di frequente, sappiate che anche questa pratica può comportare qualche problema. Ironicamente, lavare le mani troppo di frequente può causare secchezza, lesioni e anche sanguinamento, rendendo così la pelle più vulnerabile alle infezioni.

Molti tendono a scegliere il sapone meno adatto, optando per detergenti aggressivi, come deodoranti o saponi antibatterici, che producono molta schiuma e lasciano quella sensazione di pulizia perfetta. La schiuma del detergente, però, rimuove le sostanze protettive dalla superficie della pelle seccandola.

Se avete una pelle secca, scegliete detergenti delicati neutri. Questo non significa che non debbano essere profumati, ma ovviamente non devono contenere una quantità eccessiva di fragranze.

Infine, quando vi lavate non utilizzate strumenti che possano “aggredire” ulteriormente la pelle. Molte persone fanno uso di spugne e spazzole abrasive. Non è una buona idea. Così facendo, infatti, rischiate di rimuovere lo strato sottile di sebo che mantiene la pelle umida e sana.

Pelle secca e indumenti che provocano prurito

Molte persone si ostinano ad indossare indumenti che provocano prurito. Non importa se adorate quel maglione di lana, non vale la pena indossarlo se vi procura disagio. Se un maglione di lana vi dà prurito quando lo indossate, non esiste un modo per eliminare questo problema se non quello di non indossarlo. Anzi, il prurito potrebbe anche acuirsi.

La pelle secca è molto sensibile agli agenti irritanti da contatto. Quindi, esporla continuamente ad indumenti non adatti può renderla ancora più secca.

Indossate abiti che già dalla prima volta non vi creano nessun disagio. Invece della lana, scegliete il cashmere (se vi è possibile). Ma anche il cotone è un’ottima scelta. Assicuratevi che i vestiti non siano troppo stretti, poiché lo sfregamento può irritare ulteriormente la pelle secca. E ricordate, se la vostra pelle è irritata, usate detergenti privi di profumi o coloranti.

Pelle secca e farmaci

Alcuni farmaci provocano come effetto collaterale la secchezza della pelle. Sono inclusi i medicinali per trattare l’ipertensione, come i diuretici, e quelli per curare l’acne o altri problemi della pelle, come i retinoidi.

Se notate la comparsa di pelle secca dopo aver iniziato l’assunzione di un determinato farmaco, parlatene al vostro medico. Potrà consigliarvi modificando il dosaggio oppure prescrivendovi un altro medicinale.

Pelle secca e malattie

Solitamente, la pelle secca è causata da fattori esterni. Ma talvolta può essere segno di qualcosa che sta accadendo all’interno del nostro corpo, sia che si tratti di un naturale cambiamento fisiologico che di una malattia.

Per esempio, la pelle tende a seccarsi con l’avanzare dell’età, specie nelle donne. Questo a causa dei cambiamenti ormonali. Circa il 75% delle persone sopra i 64 anni ha la pelle secca. Altre persone, età a parte, sono invece geneticamente predisposte alla pelle secca.

Alcune condizioni particolari possono provocare pelle secca. Le più comuni sono:

  • problemi della pelle, come eczema e psoriasi. Sebbene richiedano un trattamento diretto, l’attento e scrupoloso utilizzo di creme idratanti spesso aiuta.
  • diabete. Le oscillazioni dei livelli di glucosio possono portare alla disidratazione e, di conseguenza, alla secchezza della pelle. Considerando che il diabete può rallentare la guarigione e aumentare il rischio di infezioni, è molto importante che le persone che soffrono di questa malattia mantengano la loro pelle in salute.
  • ipotiroidismo. I bassi livelli dell’ormone tiroideo possono ridurre la quantità di sebo prodotta dalla pelle. Ne consegue che la pelle diventa secca e ruvida e la crema idratante, in questo caso, non è di grande aiuto. L’ipotiroidismo è solitamente accompagnato da altri sintomi, come stanchezza e aumento di peso.
  • malnutrizione. La mancata assunzione dei nutrienti necessari può rendere la pelle secca. Una possibile causa è un disordine alimentare.

Esistono altre malattie che possono causare problemi di pelle secca. Il modo migliore per curare questi casi, dipende dalla malattia stessa. A volte l’assunzione di farmaci atti a trattare la condizione sottostante, risolve anche il problema della pelle secca. Ma in altri casi, è necessario seguire alcune delle linee guida, precedentemente citate, per la cura della pelle secca. Chiedete consiglio al vostro medico.

Quando chiedere aiuto a una figura professionale

Sebbene la pelle secca possa essere un sintomo di condizioni di salute più gravi, solitamente non è niente di più che pelle secca, indipendentemente da quanto sgradevole possa sembrare.

Molte persone vivono la comparsa di pelle secca come una malattia vera e propria, anche se in realtà non sono malate e il loro problema è facilmente risolvibile.

Quindi, se la pelle secca rappresenta per voi un problema debilitante, parlatene al vostro medico. Potrà aiutarvi ad identificare la causa del problema e a trovare la cura più adatta a voi. Nel caso in cui fosse necessario, il medico potrà anche prescrivervi un farmaco.

Se avete tentato di contrastare in qualsiasi modo possibile la pelle secca, ma senza risultati, non esitate a consultare il medico o uno specialista (dermatologo). Non c’è motivo di soffrire in silenzio, quando potete essere aiutati in più modi.

Referenze

  • American Academy of Dermatology: “Dry Skin: Tips for Relieving”

Condividi con: