Mal di testa: cause e rimedi


A volte sappiamo perfettamente cosa causa quel fastidioso e martellante dolore nella nostra testa, altre volte invece no e ci ritroviamo in una sorta di vicolo cieco.

Link sponsorizzati

Il mal di testa, sia che si tratti di un’emicrania debilitante sia di un lieve dolore seppur fastidioso, è provocato o reso peggiore da un fattore scatenante ben preciso.

In questo articolo, vi proponiamo le cause più comuni e i rimedi atti a sedare il dolore. Nel caso in cui gli accorgimenti che andremo a suggerirvi non dovessero risolvere il problema, vi consigliamo di consultare il medico. Coloro che soffrono frequentemente di mal di testa, infatti, potrebbero necessitare di prescrizioni mediche adeguate.

Stress

Secondo quanto asserito da uno studio pubblicato dalla rivista scientifica Cephalagia (cefalea), lo stress è alla base di circa l’80% di tutti i casi di emicrania. Questo perché lo stress causa fluttuazioni nei livelli di cortisolo e adrenalina che possono provocare dolore e nausea. Lo stress, inoltre, può portare all’irrigidimento dei muscoli della mascella e del collo causando mal di collo, che, a sua volta, può provocare cefalea tensiva.

Rimedio: meditazione, tecniche di respirazione, yoga e massaggi possono essere di aiuto. Potete anche prendere in considerazione un approccio mente-corpo chiamato biofeedback.

Ormoni

Il calo degli estrogeni che si verifica poco prima del periodo mestruale può provocare emicranie. Fluttuazioni ormonali simili possono causare mal di testa durante la gravidanza, la perimenopausa e la menopausa.

Rimedio: due giorni prima dell’inizio delle mestruazioni, quando il mal di testa fa la sua comparsa, assumete un farmaco da banco anti-infiammatorio non steroideo come il Naprossene o l’Ibuprofene. Se durante la gravidanza soffrite di mal di testa, chiedete consiglio al vostro medico.

Cambiamento del tempo

Secondo uno studio della rivista scientifica Neurology (neurologia), le persone che soffrono di emicrania hanno maggiori possibilità di essere colpite da questo forte disagio in presenza di temperature elevate. Le variazioni della pressione barometrica (la densità dell’aria nell’atmosfera) possono anche provocare mal di testa da sinusite.

Rimedio: nelle giornate particolarmente calde, fate il possibile per evitare tutto ciò che possa provocare mal di testa e, a scopo preventivo, tenete a portata di mano un analgesico.

cefalea

Cattiva qualità del sonno

L’insonnia è associata a bassi livelli dell’ormone serotonina. Questo causa una dilatazione dei vasi sanguigni presenti nel cervello e l’attivazione del nervo trigemino (il nervo principale coinvolto durante gli episodi di emicranie) provocando infiammazione e il rilascio delle sostanze che causano dolore.

Rimedio: andate a letto e alzatevi sempre alla stessa ora ogni giorno, anche nel fine settimana. Riducete l’assunzione di caffeina e praticate attività fisica regolarmente.

Odori troppo intensi

Il nervo trigemino si estende al naso, quindi in presenza di odori troppo intensi tale nervo può rilasciare sostanze che possono provocare il mal di testa.

Rimedio: evitate l’utilizzo di profumi, detergenti, prodotti per la casa, candele o essenze con profumazione troppo intensa.

Luce troppo intensa

Una fonte di luce troppo luminosa (come, per esempio, lampade fluorescenti, schermo del computer eccessivamente luminoso o anche il sole) può attivare il nervo trigemino.

Rimedio: se vi è possibile, preferite le lampade ad incandescenza a quelle fluorescenti. Utilizzate uno schermo antiriflesso per il computer e tentate di ridurre il tempo di utilizzo che solitamente dedicate a questo strumento. Se lavorate a computer in una stanza con lampade fluorescenti e pareti bianche, appendete delle foto, dei quadri o quello che preferite ai muri per assorbire la luce in eccesso.

Alimentazione sbagliata

Gli alimenti che contengono l’amminoacido tiramina (come il vino rosso e i formaggi stagionati), nitrati (hot dogs e altri cibi processati) o l’amminoacido fenilalanina (cioccolato) sono i maggiori responsabili della comparsa di mal di testa. Queste sostanze, infatti, causano la costrizione e la dilatazione dei vasi sanguigni causando emicrania. Anche saltare i pasti può sortire lo stesso effetto, poiché il cervello è ipersensibile alle fluttuazioni dei livelli di zuccheri nel sangue.

Rimedio: Mangiate regolarmente e bevete acqua con altrettanta regolarità. Assicuratevi che i pasti siano ricchi di proteine, che favoriscono il senso di sazietà e contribuiscono a stabilizzare i livelli di zuccheri nel sangue. E’ importante, infine, identificare quegli alimenti che possono favorire l’insorgere di mal di testa ed eliminarli dalla dieta.


Condividi con: