Lo stress nei bambini e negli adolescenti


I bambini e gli adolescenti notano e reagiscono allo stress presente in ambito familiare e ne sono soggetti a loro volta. E’ importante saper riconoscere quando questo accade per poterli aiutare. La chiave vincente è utilizzare strategie salutari atte ad eliminare lo stress. Queste strategie, una volta apprese, li accompagneranno anche in età adulta. Generalmente, ciò che causa paura e ansia nei bambini o negli adolescenti può essere una potenziale fonte di stress. Questo include lo stare lontani da casa, frequentare una nuova scuola, traslocare, essere separati dai genitori, il rapporto con i compagni di scuola, i cambiamenti a livello fisico e le preoccupazioni circa il futuro.

Link sponsorizzati

Quelli che seguono sono i segnali più comuni di stress suddivisi per fasce di età:  

Età prescolare

  • rabbia
  • ansia
  • problemi alimentari
  • problemi del sonno (inclusi gli incubi)
  • paura di rimanere soli
  • irritabilità
  • regressione a comportamenti infantili
  • pianto incontrollato
  • tremori dovuti allo spavento

Dai 6 ai 10 anni

  • distruttività
  • presunti mal di testa e mal di stomaco
  • sensazione di non essere amati
  • mancanza di appetito
  • problemi di sonno
  • necessità di urinare spesso
  • insofferenza nei confronti della scuola e delle amicizie
  • preoccupazioni circa il futuro
  • carattere eccessivamente introverso, chiuso o riservato

Età pre-adolescenziale e adolescenziale

  • disillusione
  • diffidenza nei confronti del prossimo
  • scarsa autostima
  • mal di stomaco e mal di testa
  • ribellione
  • rabbia

stress e bambini

Come intervenire?

Gli adulti possono aiutare i bambini e gli adolescenti a gestire lo stress in molti modi. Prima di tutto è bene creare un ambiente che non sia fonte di  stress. in secondo luogo, è di fondamentale importanza aiutarli a sviluppare atteggiamenti positivi ed abilità che agevolino l’eliminazione dello stress. Quanto segue può tornare utile per ricreare un ambiente sereno privo di stress:

  • riconoscere l’importanza delle loro sensazioni e dei loro sentimenti evitando di sottovalutarli.
  • infondere fiducia e insegnare loro che gli errori sono esperienze formative.
  • sosteneteli ed elogiateli quando l’occasione lo richiede.
  • siate premurosi. Abbracciateli spesso.
  • le vostre aspettative devono essere chiare ma mai eccessivamente rigide. Enfatizzate la collaborazione piuttosto che la competizione. Non sobbarcateli con troppe attività.
  • Fate in modo che essi contribuiscano alle attività familiari.
  • Prestate attenzione ai loro bisogni e non solamente a ciò che voi volete.

E’ di basilare importanza aiutare bambini ed adolescenti a sviluppare atteggiamenti positivi ed abilità che permettano loro di affrontare e gestire lo stress nel migliore dei modi. Quello che insegnerete loro sarà interiorizzato e riutilizzato in età adulta.

  • Date il buon esempio. Mantenete la calma e sotto controllo la vostra rabbia. Pensate a come ridurre lo stress e condividete le vostre idee in famiglia.
  • Incoraggiate la razionalità. Assicuratevi che siano consapevoli delle conseguenze delle loro azioni. Aiutateli a capire la differenza tra fantasia e realtà. Per esempio, fate loro capire che il comportamento di un bambino o di un adolescente non sono la causa di un divorzio e che non sono dei falliti solo perché non sono arrivati primi in qualcosa.
  • Responsabilizzateli. Fate in modo che essi facciano le loro scelte in ambito familiare. Per esempio, permettete loro di riordinare la loro stanza, di scegliere eventuali attività che la famiglia andrà a fare oppure di renderli partecipi nelle decisioni da prendere.
  • Parlate apertamente. Parlate in modo appropriato della vostra giornata e di ciò che l’ha resa stressante incoraggiandoli a fare lo stesso.
  • Trovate un’attività fisica o un hobby che amano fare ed incoraggiateli a partecipare.
  • Imparate ed insegnate loro eventuali modi per rilassarsi .

Condividi con: