Disturbi del sonno: quali sono i sintomi?


L’insonnia stessa è spesso sintomo di altre problematiche. Le caratteristiche tipiche dell’insonnia includono l’incapacità di addormentarsi o di dormire di notte, lo svegliarsi prima del solito e la stanchezza diurna.

Link sponsorizzati

La maggior parte delle persone che soffre di insonnia non rischia di addormentarsi in situazioni inopportune, come per esempio alla guida di un veicolo. Se questo accade, l’episodio dovrebbe essere considerato come un segnale che la reale causa dell’insonnia potrebbe essere un disturbo, come l’apnea notturna.  

Apnea notturna

L’eccessiva sonnolenza diurna è il sintomo primario. Alcune persone negheranno la presenza di sonnolenza, ma si sentiranno affaticate. Altri sintomi sono il russare interrotto da fasi di assenza del respiro, che generalmente terminano con uno sbuffo. Anche un sonno agitato e non ristoratore è una manifestazione tipica dell’apnea notturna, così come un eventuale mal di testa mattutino.

Narcolessia

Una eccessiva sonnolenza diurna accompagnata da sonnellini ristoratori, detti anche microsonnellini, è sintomo di narcolessia. Altri segnali possono essere le allucinazioni di tipo uditivo e visivo descritte come sogni che si verificano durante le fasi di passaggio sonno-veglia all’inizio e alla fine del sonno. La perdita del tono muscolare (cataplessia) a seguito di una forte emozione (risate, rabbia improvvisa) e l’inabilità da parte dell’individuo di muoversi o alzarsi (paralisi ipnagogica) sono ulteriori sintomi.

disturbi del sonno

Sindrome delle gambe senza riposo (RLS)

Il primo segnale da prendere in considerazione è l’irresistibile necessità di muovere le gambe una volta a letto, nel mezzo della notte dopo essersi svegliati oppure anche da svegli durante il giorno. Solitamente colpisce gli arti inferiori, ma può interessare anche braccia e tronco. Nel momento in cui l’individuo muove la parte del corpo affetta, percepisce un sollievo temporaneo. Le persone che soffrono di questa sindrome si muovono continuamente nel letto, causando veglia e una conseguente privazione del sonno.  

Consultare il medico se…

  • la qualità del sonno non migliora nonostante una corretta igiene del sonno, una riduzione dell’assunzione di caffeina, attività fisica e l’utilizzo di tecniche di rilassamento.
  • pensate che il disturbo del sonno sia correlato ad un’altra condizione, come la depressione.
  • russate fortemente o sperimentate episodi di assenza di respiro mentre dormite.
  • vi addormentate mentre state svolgendo una normale attività, come parlare o guidare.
  • vi sentite poco riposati al risveglio e siete costantemente stanchi. I disturbi del sonno sono tra le molteplici possibili cause della stanchezza.
  • sospettate che il farmaco che state assumendo possa causarvi disturbi del sonno.

Condividi con: