Celiachia: ciò che è necessario sapere per seguire una dieta sicura


Le persone che soffrono di celiachia devono seguire una dieta priva di glutine. Anche il minimo quantitativo di glutine può scatenare sintomi quali gonfiore e diarrea.

Link sponsorizzati

Le basi per una dieta priva di glutine includono quanto segue:

  • Evitate tutti gli alimenti che contengono frumento (grano), segale e orzo. Pane, pasta, pizza, cereali al malto e crackers sono tutti cibi che contengono glutine. Sebbene alcuni alimenti vengano etichettati come privi di frumento, non significa che essi siano anche privi di glutine.

  • Evitate l’avena, almeno inizialmente. In alcune persone l’avena può causare sintomi, forse a causa di una contaminazione con frumento, segale od orzo durante la fase di lavorazione. Tuttavia, molte persone che soffrono di celiachia possono mangiare quantitativi moderati di avena senza presentare alcun sintomo.  Nella maggioranza dei casi, i medici suggeriscono ai pazienti che hanno appena scoperto di soffrire di celiachia di non mangiare avena. La potranno inserire successivamente all’interno del loro regime alimentare (dieta priva di glutine) solo quando la condizione sarà sotto controllo. Sarà possibile, infatti, consumare fino a 50 g di avena al giorno finché non compariranno nuovi sintomi. Se siete celiaci consumate esclusivamente avena che non sia stata contaminata durante la fase di lavorazione con frumento, segale od orzo.
  • Evitate o limitate il consumo di latticini all’inizio della cura, se realizzate che essi possano causare o aggravare i sintomi. Una volta che i sintomi saranno migliorati e che il vostro intestino tenue sarà guarito (dall’uno ai sei mesi circa), potrete anche reintrodurli gradualmente nella vostra dieta.
  • Evitate tutti i prodotti a base di birra a meno che non sia specificato che siano privi di glutine. Le birre, alcoliche e non, contengono glutine a meno che non venga specificato il contrario.
  • Leggete sempre con molta attenzione gli ingredienti riportati sulle etichette e prestate altrettanta attenzione ai tipi di glutine nascosto. Il glutine può essere presente nei medicinali, nelle vitamine e in altri tipi di integratori alimentari, nei rossetti e in svariati additivi alimentari. I prodotti riportanti sull’etichetta la dicitura “amido modificato” o “proteina vegetale idrolizzata” possono contenere glutine.

dieta celiachia

Pur seguendo una dieta priva di glutine, potete ugualmente consumare:

  • Uova e prodotti caseari come il formaggio. Ricordate, comunque, di evitare i latticini e il latte all’inizio della cura. Inoltre, alcuni formaggi lavorati contengono glutine.
  • Farine e cibi fatti con amaranto, arrowroot, grano saraceno, fiocchi di mais, miglio, patate, quinoa, riso, sorgo, soia, tapioca o teff.
  • Carni fresche, surgelate o in scatola. Leggete comunque l’etichetta per assicurarvi che eventuali additivi non contengano glutine.
  • Frutta e verdura fresche, surgelate, secche o in scatola. Non devono però contenere agenti addensanti o altri additivi contenenti glutine.
  • Determinati tipi di bevande alcoliche, incluso il vino, i superalcolici (inclusi whiskey e brandy), liquori e sidri.

Condividi con: