Rabbia: come gestire gli eccessi d’ira


La rabbia è un’emozione molto potente che può insorgere da un senso di frustrazione oppure da sensazioni quali offesa, noia e delusione. Si tratta di un tipo di emozione naturale per l’essere umano che può variare da semplice senso di irritazione sino ad arrivare ad un tipo di rabbia ben più marcato.aaa

Link sponsorizzati

La rabbia può essere dannosa o utile, a seconda del come viene espressa. Sapere come riconoscerla ed esprimerla, può essere d’aiuto per conseguire obiettivi, gestire situazioni di emergenza e risolvere problemi. Tuttavia, possono insorgere problemi qualora non si è in grado di riconoscerla e comprenderla.

Quali sono i pericoli che comporta la rabbia repressa?

La rabbia repressa può essere una causa di ansia e depressione. La rabbia, se non propriamente espressa, può rovinare relazioni, influenzare negativamente il modo di comportarsi e pensare, e creare una serie di problemi a livello fisico. La rabbia cronica, ovvero quella a lungo termine, è strettamente correlata a problemi di salute quali ipertensione, cardiopatie, emicranie, malattie cutanee e problemi gastrointestinali.

Come posso imparare a gestire la mia rabbia?

Quando iniziate a sentirvi arrabbiati, provate a respirare profondamente e tentate di porre un freno ad eventuali pensieri collerici. Respirate profondamente dal vostro diaframma. Ripetete lentamente una parola o una frase che possano infondervi tranquillità, tipo “calmati”, “rilassati”, ecc. Scegliete voi quella che ritenete essere più efficace. Ripetetela mentre respirate profondamente finché la collera non si sarà placata.

Sebbene sia meglio esprimere la rabbia piuttosto che reprimerla, essa dovrebbe comunque essere esternata in modo appropriato. Frequenti eccessi d’ira sono spesso controproducenti e causano problemi nei rapporti con gli altri. Gli eccessi d’ira sono fonte di stress per i sistemi nervoso e cardiovascolare, e possono aggravare eventuali problemi di salute. Imparare ad utilizzare l’assertività è il modo più salutare per esprimere stati d’animo, sensazioni, esigenze e preferenze. In queste situazioni, essere assertivi è sicuramente più producente che essere collerici.

accesso_di_rabbia.jpg

  • Cercate l’aiuto di altre persone. Analizzate le vostre sensazioni e provate ad elaborarle per cambiare il vostro comportamento.
  • Se avete difficoltà a realizzare quando avete pensieri collerici, annotate quando vi sentite arrabbiati.
  • Provate a vedere le cose con una prospettiva diversa.
  • Imparate a ridere di voi stessi e a cogliere lo humor.
  • Imparate ad essere dei buoni ascoltatori. Ascoltare aiuta a migliorare la comunicazione e facilita la fiducia tra le persone. Questa fiducia può aiutarvi a gestire emozioni potenzialmente ostili.
  • Imparate a farvi valere esprimendo le vostre emozioni in modo calmo e diretto, senza mettervi sulla difensiva o diventando ostili.
  • Consultate libri che trattino dell’assertività oppure rivolgetevi ad una figura professionale per imparare ad utilizzare l’assertività e i modi per gestire la rabbia.aaa

Cosa altro posso fare per gestire la mia rabbia in modo salutare?

Se ritenete che la vostra rabbia sia fuori controllo e che essa abbia un’influenza negativa sulla vostra vita e sulle vostre relazioni, cercate l’aiuto di una persona competente. Uno psicologo, per esempio, può aiutarvi a sviluppare tecniche in grado di cambiare il vostro modo di pensare e il vostro comportamento. Una figura professionale può aiutarvi a gestire la rabbia in modo appropriato. Scegliete il vostro terapeuta con cura e assicuratevi che egli sia opportunamente esperto nella gestione della rabbia e nelle tecniche relative all’assertività.a


Condividi con: