Cromoterapia e casa: una guida alla scelta dei colori


Non esistono colori che si adattano a una stanza e a un’altra no. La scelta è prettamente soggettiva e si basa su svariati elementi, quali le preferenze personali, il tipo di stanza, la frequenza con cui la stanza viene utilizzata, la qualità della luce e il paesaggio che gli abitanti della casa hanno modo di vedere dal locale in questione. Nel corso dell’articolo, analizzeremo le diverse tipologie di stanze presenti abitualmente in una abitazione e forniremo alcuni suggerimenti utili su come scegliere il colore più adatto.

Link sponsorizzati

Salotto o soggiorno

Sia il salotto che il soggiorno sono le stanze della casa identificabili come luoghi di incontro, di apertura e di scambio con gli ospiti che il padrone di casa accoglie nella propria abitazione. I colori indicati sono pertanto quelli che richiamano vivacità, come arancione, giallo e rosa. Il medesimo suggerimento vale per la scelta del colore di tende, rivestimenti dei mobili e complementi di arredo.

Cucina

Vi è la tendenza a prediligere il colore bianco per questo ambiente della casa, per motivi correlati all’igiene e alla pulizia. Il bianco, infatti, è noto come simbolo di luminosità e purezza.

Per rendere la stanza più calda e accogliente, è possibile optare per scelte cromatiche differenti, come arancione, giallo e turchese (meglio preferire le gradazioni chiare). Se il locale è piccolo, è consigliabile optare per colori più chiari. Diversamente, se lo spazio a disposizione è ampio, è possibile osare utilizzando tonalità più scure di rosso, rosa, giallo o arancione.

Nella scelta del colore, è bene tenere in debita considerazione l’equilibrio cromatico della stanza. Quindi, qualora la scelta ricada su un colore particolarmente caldo, è consigliabile optare per oggettistica, mobili e tendaggi caratterizzati da una colorazione meno accesa (per esempio azzurro, indaco, bianco o verde).

Nel caso in cui si voglia conferire alle pareti un aspetto caratteristico e vivace, esistono varie tecniche a disposizione, come patinatura, spugnatura, puntinatura, stencil ed effetti rilievo.

cromoterapia casa

Studio

Lo studio solitamente è un luogo dedicato al lavoro. Quindi, è necessario un colore che sia in grado di stimolare la concentrazione, come colori chiari (giallo chiaro, per esempio) o equilibrati (come il verde o le diverse gradazioni chiare del turchese).

Bagno

Come nel caso della cucina, anche per il bagno si tende a privilegiare il bianco. Tuttavia, essendo un luogo simbolo di benessere e relax, è possibile utilizzare altri colori per stimolare queste sensazioni, come indaco, verde, azzurro e colorazioni simili alla terracotta.

Camera da letto

La camera da letto è il luogo della casa adibito al riposo e al rilassamento. Si sconsiglia quindi l’impiego di tonalità troppo accese che tendono a favorire nervosismo e iperattività. Meglio optare per colorazioni rasserenanti e distensive. I colori adatti sono salmone chiaro, verde, pesca pastello, le gamme di rosa e le diverse tonalità di blu e azzurro.

Cameretta dei bimbi

Prima di procedere alla scelta del colore, è bene tenere in considerazione alcuni aspetti, quali le preferenze del bambino, il suo carattere e la quantità di ore che trascorrerà nella cameretta. La rosa di colori a disposizione è variegata: giallo, arancione, rosa, pesca, indaco e verde. Qualora le attività di studio del bimbo si svolgano nella cameretta, si consiglia una tonalità che possa stimolare concentrazione e creatività, come giallo chiaro o arancione pastello. Se il piccolo tende ad essere un po’ pigro, meglio evitare colori rilassanti come il verde.

Consigli finali

Al momento della scelta dei colori, è bene tenere in considerazione anche l’orientamento delle varie stanze. Facciamo un esempio: se la stanza è rivolta verso nord sarà meno esposta alla luce solare, quindi è meglio preferire tonalità più calde come il rosa, il rosso, l’arancione e il giallo. Al contrario, se la stanza è rivolta verso sud, quindi maggiormente esposta alla luce del sole, è meglio optare per tinte più fredde, come il blu, il verde o l’azzurro.

Un altro aspetto da non dimenticare è il carattere degli abitanti della casa. Per le persone iperattive e nervose sono indicati colori calmanti, come il blu, il rosa o tutte le tonalità che contengono il blu. Per coloro che sono tendenzialmente pigre, sono consigliabili colori stimolanti come l’arancione e il giallo. Infine, per le persone melanconiche è preferibile l’impiego di colori come giallo e verde.


Condividi con: