In arrivo i rimborsi fiscali, ma attenzione alle false email


Link sponsorizzati

 

A breve arriveranno nelle tasche degli italiani i rimborsi fiscali. L’ammontare complessivo disposto dall’Agenzia delle entrate per i contribuenti a credito è pari a circa 940 milioni di euro.

Oldeconomy tuttavia vi invita a prestare particolare attenzione e a diffidare dalle false email che puntualmente vengono inviate in questo periodo allo scopo di carpire le vostre coordinate bancarie.

I rimborsi in questione, infatti, vengono elargiti secondo tre modalità:

  • accredito sul conto corrente comunicato dal contribuente
  • vaglia cambiario della Banca d’Italia 
  • in contanti presso l’ufficio postale presentando il modulo inviato al beneficiario

Il metodo più rapido e sicuro per ottenere i rimborsi risulta essere proprio l’accredito sul conto corrente, una volta comunicate le proprie coordinate bancarie all’agenzia delle Entrate.

Eseguire questa operazione è molto semplice: basta presentare il modello di riferimento presso l’ufficio locale dell’Agenzia oppure tramite internet sul sito agenziaentrate.gov.it cliccando sulla voce Servizi > Servizi telematici.

Sebbene l’accredito sul conto corrente sia il metodo più sicuro, vi suggeriamo caldamente di non rispondere a nessuna email che chieda esplicitamente l’invio delle vostre coordinate bancarie o di altri dati sensibili.

Queste email sono emerite truffe. L’Agenzia delle entrate infatti non chiede mai questo tipo di informazioni via email. Purtroppo questi tentativi di frode, con tanto di contraffazione del logo e del dominio dell’Agenzia delle entrate, sono stati molteplici.

L’Agenzia, comunque, ha già preso provvedimenti al riguardo avviando tutte le misure necessarie atte a perseguire i responsabili di questi atti fraudolenti. Nel frattempo i contribuenti, per non incappare nella trappola di questi scammers, devono solo prestare attenzione alle email ricevute nella casella di posta evitando di effettuare l’accesso a siti ignoti e soprattutto di inserire i propri dati all’interno di questi siti.

 


Condividi con: