Zero spese con il ricorso online al giudice di pace


Dai primi di ottobre è possibile presentare ricorso al giudice di pace contro multe e cartelle pazze direttamente dal proprio pc grazie al portale dei servizi online del Giudice di Pace (gdp.giustizia.it).

Link sponsorizzati

Ottima iniziativa che vi permetterà di dire finalmente addio all’assistenza di un costoso avvocato, alle file interminabili alla cancelleria del tribunale e soprattutto alle perdite di tempo. Potrete inoltre usufruire di una via preferenziale rispetto a coloro che invece opteranno per l’iter tradizionale e ricevere tutte le informazioni e gli aggiornamenti relativi al vostro ricorso via mail.

 

giudice_di_pace.jpg

Il portale in questione ha un’interfaccia grafica molto semplice e facile da utilizzare. Non è necessario registrarsi preventivamente. La Guida al servizio, inoltre, vi guiderà passo dopo passo circa l’iter da seguire per inoltrare il ricorso. Una volta effettuata la compilazione di tutti i campi del form, il sistema assegnerà alla vostra pratica un numero di protocollo web che vi permetterà di seguire online il vostro ricorso.

Grazie a tale numero di protocollo, infatti, potrete ricevere via mail e controllare online tutte le informazioni concernenti il vostro procedimento. Oltre al ricorso dovrete compilare anche la richiesta di iscrizione al ruolo per l’avvio ufficiale della causa. Questo consentirà di snellire i tempi per l’esame da parte del giudice. Effettuando tale compilazione vi verrà assegnato un codice a barre che vi permetterà di usufruire di una corsia preferenziale, ovvero ad un turno più rapido per l’iscrizione a ruolo dei relativi fascicoli.  Una volta effettuato l’invio online sarà sufficiente stampare il ricorso e il codice che vi è stato assegnato e spedire il tutto tramite raccomandata aggiungendo ovviamente la cartella contestata. Se invece avrete già provveduto ad inviare la pratica, potrete richiedere solo l’iscrizione a ruolo.

Informatizzando il fascicolo relativo alla pratica quindi è possibile velocizzare le tempistiche della procedura. Tenete poi presente che la controparte relativa alla contestazione della cartella verrà notificata automaticamente, il che implica zero spese che invece avreste dovuto affrontare seguendo l’iter tradizionale relativamente all’amministrazione pubblica in caso di notifica di ulteriori cartelle nelle more dell’avvio della causa per il ricorso.

Come avrete potuto notare sono quindi molteplici i pro di questa nuova iniziativa burocratica. Spetta solamente a voi la scelta finale, però perché complicarsi la vita quando ci vengono offerte opportunità per renderla maggiormente vivibile? La risposta vien da sè.


Condividi con: